Emarginati e profughi siano accolti e confortati nelle comunità

Emarginati e profughi siano accolti e confortati nelle comunità

Il video del Papa del mese di Febbraio 2017 è dedicato al tema dell’accoglienza: Papa Francesco, rivolgendosi ai fedeli e alle persone di buona volontà, invita ad accogliere profughi ed emarginati e a non abbandonarli. In tal senso richiede che la comunità dei cristiani preghi affinché accoglienza e conforto diventino caratteristiche distintive di tutte le comunità cristiane.

Come ogni mese da ormai un anno, il Santo Padre anche questo mese di Febbraio 2017 ha registrato in un videomessaggio le proprie intenzioni di preghiera universale: l’esortazione che il Vescovo di Roma rivolge ai fedeli, questo mese, è quella di pregare perché profughi ed emarginati “trovino accoglienza e conforto nelle nostre comunità”.

Viviamo in città che costruiscono torri e centri commerciali e realizzano grandi affari immobiliari – dice Bergoglio nel proprio messaggio ponendo in luce come al contempo si – lasciano una parte ai margini, in periferia”.

È una realtà che toccano di persone tante persone in molte città del mondo, non solo in Europa. È una realtà che determina l’emarginazione di “grandi masse di popolazione che si vedono escluse ed emarginate: senza lavoro, senza orizzonti, senza via d’uscita”.

Di fronte a questa realtà, risuona l’esortazione conclusiva del video del Papa di questo mese, che invita a non abbandonare profughi ed emarginati: “Pregate con me per quanti sono nella prova – sono le parole conclusive del Pontefice – soprattutto i poveri, i profughi e gli emarginati, perché trovino accoglienza e conforto nelle nostre comunità”.

Ad accompagnare le parole del Santo Padre le immagini di un giovane emarginato: il video illustra come sia possibile cambiare la vita delle persone passando da una situazione di emarginazione, nella quale vediamo il giovane scartato sulla strada di una grande città, si possa includere la persona circondandola di affetto e solidarietà.

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Adri il 3 febbraio 2017 alle 5:06 pm.

Per raccogliere i rifugiati non bisogna fare muri allora cominciamo ad abbattere il muro del vaticano per dare esempio alle grandi istituzioni

Rispondi

Celia Iniesta Solano il 3 febbraio 2017 alle 12:35 pm.

Buenos días, Santo Padre :

Le acompaño en sus rezos por los pobres y marginados: los más necesitados.

Esta oración a San Antonio de Pauda es por los pobres :

Altísimo y Sapientísimo Señor del mundo, de los cielos y de la tierra, que todo lo conoces y todo lo gobiernas suave y fuertemente; excelentísimo Creador de cielos y tierra, que muestras la grandeza de tu poder en las cosas grandes y la perfección de tu gobierno en las cosas pequeñas; vigilantísimo Gobernador del universo, sin cuya anuencia no cae ni un cabello de nuestra cabeza, ni una hoja de nuestros árboles; bondadosísimo Dueño, que vistes de espléndidas galas a las hierbas del campo y das de comer a las aves del cielo; amantísimo Padre, que para que los ricos den su pan a los pobres, los estimulas con tus palabras, los amenazas con tus enemistades y les premias sus caridades con innumerables favores, unas veces advertidos y otras inadvertidos: te suplicamos que atiendas a los ruegos que te dirigimos por medio de tu siervo San Antonio, para que tengas providencia de nosotros para nuestro bien, nos concedas todas las gracias temporales que nos convengan y, sobre todo ordenes nuestra vida, conforme a toda caridad contigo y con tus pobres, para salvación y santificación de nuestras almas.
Oración por los pobres a San Antonio de Pauda.

Que Nuestro Dios Padre Todopoderoso , Él , que todo lo puede: envíe esperanza y aliento a todos los que sufren. Que envíe su gracia y bondad a los poderosos del mundo para que conozca el amor de Dios y lo compartan con los más necesitados. Padre Celestial , inunda a estas personas que controlan el mundo de tu amor misericordioso y ayuden a sus hermanos; que ayuden a los que sufren las consecuencias de la avaricia de los pueblos y gobernantes. Señor hazles ver , hazles sentir tu gracia divina que todo lo puede. Gracias Dios, alabado seas. Confío en ti. Y sé que tu tiempo es perfecto, que no olvidarás jamás ni una de las ofensas y humillaciones que se haya recibido por tu nombre. Señor, confío en ti, por que creo en ti y en tu palabra. Alabado seas, hasta la eternidad. TE AMO.

Padre, tengamos fe y esperemos milagros porque existen.

Buen día.

Rispondi

Ivana barbonetti il 3 febbraio 2017 alle 8:48 am.

Santo Padre, pregare per TE e’ una gioia, e’ vedere Gesu’ in azione su questa terra, purtroppo tutti TI osannano, ma guardando la realta’ che ci circonda, pochi TI seguono con coerenti parole e azioni. Come fu’ quando Gesu’ venne su questa terra personalmente. Sto’ pregando che la misericordia di DIO illumini le nostre menti, cuori, vedere questi tempi che stiamo vivendo, perché accadono tante cose brutte, no con rassegnazione o superficialita’, ma leggendo la BIBBIA, farci aiutare da persone che la studiano da anni, no improvvisazioni o stati emozionali, aprirla come un’oroscopo…. Studiare per capire come vivere la parola del Signore, noi in prima persona, no gli “altri”, NOI IN PRIMA PERSONA.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.