Grazie al Bambino Gesù nato per noi siamo tutti fratelli

Il messaggio di Natale alla Benedizione Urbi et Orbi del Pontefice racconta di un mondo di fratelli reso possibile grazie alla nascita del Bambino, che è nato per noi.

“Nel Natale celebriamo la luce del Cristo che viene al mondo e lui viene per tutti: non soltanto per alcuni ” questo il concetto, “tutti possiamo chiamarci ed essere realmente fratelli: di ogni continente, di qualsiasi lingua e cultura, con le nostre identità e diversità, eppure tutti fratelli e sorelle.”

E in quanto tali dobbiamo essere solidali, soprattutto in questo momento storico che ci vede alle prese con la Pandemia poiché “siamo tutti sulla stessa barca. Ogni persona è mio fratello. In ciascuno vedo riflesso il volto di Dio e in quanti soffrono scorgo il Signore che chiede il mio aiuto. Lo vedo nel malato, nel povero, nel disoccupato, nell’emarginato, nel migrante e nel rifugiato: tutti fratelli e sorelle! ”

L’ occhio amorevole di Bergoglio va anche ai bambini nei territori di guerra, e a tutte le persone in preda ai conflitti sociali e politici di tutto il Medio Oriente e il Mediterraneo orientale, la Siria, la Libia, che la pace possa scendere nei cuori di israeliani e palestinesi, e ancora una menzione per il Libano, l’Africa e l’Ucraina.

Tutto il mondo sia salvato dalla grazia del dono di Dio, Suo figlio Gesù il quale “ ci annuncia che il dolore e il male non sono l’ultima parola. Rassegnarsi alle violenze e alle ingiustizie vorrebbe dire rifiutare la gioia e la speranza del Natale.”

E infine l’ultimo pensiero di Papa Francesco va alle famiglie, all’amore familiare consacrato dalla nascita di Gesù che “ è nato in una stalla, ma avvolto dall’amore della Vergine Maria e di San Giuseppe” affinchè “ per tutti il Natale sia l’occasione di riscoprire la famiglia come culla di vita e di fede; luogo di amore accogliente, di dialogo, di perdono, di solidarietà fraterna e di gioia condivisa, sorgente di pace per tutta l’umanità. ”

Share Button

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.