I martiri sono di tutti i cristiani!

I martiri sono di tutti i cristiani!

La testimonianza dei cristiani morti per mano degli jihadisti del cosiddetto Stato Islamico ci rende evidente come tutte le varie confessioni cristiane abbiano il comune sangue di Cristo: “Siano cattolici, ortodossi,copti, luterani non importa: sono cristiani! E il sangue è lo stesso. Il sangue confessa Cristo” e per questo, solo per questo, sono stati brutalmente uccisi.

Questi fratelli cristiani, ha aggiunto il Santo Padre, “dicevano solamente «Gesù aiutami!». Sono stati assassinati per il solo fatto di essere cristiani“. Morire a causa del proprio credo religioso sembra una scena da Medio Evo eppure è quanto succede, possiamo dire quasi ogni giorno, in alcune zone del mondo.

La Chiesa oggi esprime un “profondo e triste sentimento” a fronte delle continue notizie di uccisioni di cristiani.

Queste morti, inoltre, ha aggiunto Bergoglio, ci parlano anche di ecumenismo: infatti ci ribadiscono come sia uno scandalo il fatto che i cristiani siano divisi in tante confessioni a volte in lotta tra di loro.

Per chi odia Cristo, infatti, tra cattolici, luterani, evangelici, ortodossi, copti, … non ci sono distinzioni: è l’ecumenismo del sangue. “I martiri“, ha infatti dichiarato Papa Francesco, “sono di tutti i cristiani.

“La fede e la testimonianza cristiana“, soprattutto alla luce della testimonianza di questi martiri, “si trovano di fronte a sfide tali, che soltanto unendo i nostri sforzi potremo rendere un efficace servizio alla famiglia umana e permettere alla luce di Cristo di raggiungere ogni angolo buio del nostro cuore e del nostro mondo“.

È necessario dunque intraprendere con vigore “il cammino di riconciliazione e di pace” tra le varie comunità cristiane, al fine di “avvicinarci sempre di più gli uni agli altri“: si tratta di un cammino il cui registra è lo Spirito Santo, e che potrà “portare a tutti la vita e portarla in abbondanza“.

Share Button

16 Commenti

ILARIO MAIOLO il 19 Febbraio 2015 alle 10:46 am.

…E I CRISTIANI SARANNO PERSEGUITATI A CAUSA DELLA LORO FEDE.
Rientra nel Segreto di Fatima.
Il mondo ha dimenticato Dio preferendo il denaro e il proprio soddisfacimento materiale del corpo.
Preghiamo affinchè Dio ci preservi la Fede.

Rispondi

GIORGI ANTONINA il 17 Febbraio 2015 alle 8:43 pm.

caro papa Francesco, ma come fanno a odiare gesu` e anche il loro dio. perche dio e uno solo e gesu e suo figlio. e ognuno lo prega a modo loro. perche non capiscono questo? piango papa Francesco e prego spessissimo dio, la Nostra madre celeste ( io la chiamo cosi la mia madre celeste) e gesu. che li faccia ragionare, li faccia smettere di ammazzare. papa Francesco Cosa sta succedendo all`umanita?.

Rispondi

Giuliana il 17 Febbraio 2015 alle 8:27 pm.

Sua Santità sono profondamente commossa per la morte avvenuta dei SACERDOTI COPTI per mano degli Jahavisti, in maniera brutale e crudele.
Sua Santità mi consola la Sua affermazione che ci conferma che le varie confessioni cristiane abbiano il comune sangue di Cristo.
Questo realtà molto profonda mi ha sempre aiutato a voler dialogare con loro con rispetto e amore con la speranza di una unione reale.
Mi son sentita dire che ciò era impossibile. Grazie Papa Francesco lei sta continuamente dicendoci che ciò è possibile e ha già fatto passi concreti. La ringrazio di cuore.
La morte di questi sacerdoti Copti morti per essere cristiani hanno offerto la vita per Cristo . Certamente il loro sangue si è unito a quello di Gesu sulla croce. E’ un vero martirio. Inoltre la loro morte mi parla di Ecumenismo e ci invita a credere che ciò è possibile. Con un dialogo sincero e rispettoso, Dio ci concederà la grazia della riconciliazione.
Ho ricevuto da Dio la grazia di poter svolgere la mia attività missionaria sia con Anglicani, Ortodossi e anche con alcune famiglie Mussulmane, anche con queste che ho rispettato senza voler la loro conversione son riuscita ad avere un dialogo fraterno.
Riconosco che per i Cristiani è urgente intraprendere il cammino della riconciliazione.
Grazie Papa Francesco per il Suo instancabile servizio alla Chiesa. Grazie per parlarci spesso di trasparenza e di aver messo a fuoco
” LA CULTURA DELL’INDIFFERENZA” , piaga del mondo moderno.
Papa Francesco la mia preghiera è quotidianamente offerta per il Suo ministero tanto difficile.
Mi benedicà.

Rispondi

sr. Ornella Garzetti il 17 Febbraio 2015 alle 4:54 pm.

Sono pienamente convinta che quando un membro soffre tutto il corpo soffre, e oggi più che mai soffriamo nell’assistere al male ingiusto che molti nostri fratelli soffrono a Causa della loro testimonianza. Il Signore Gesù l’ha lasciato come testamento. Uniamoci fratelli perché il Mondo creda e conosca l’Unico e Vero Signore. Siamo costruttori di pace e dialogo con tutti perché Cristo Gesù ha una Buona Notizia per ciascun uomo e donna sulla terra.

Rispondi

sr. Ornella Garzetti il 17 Febbraio 2015 alle 4:54 pm.

Sono pienamente convinta che quando un membro soffre tutto il corpo soffre, e oggi più che mai soffriamo nell’assistere al male ingiusto che molti nostri fratelli soffrono a Causa della loro testimonianza. Il Signore Gesù l’ha lasciato come testamento. Uniamoci fratelli perché il Mondo creda e conosca l’Unico e Vero Signore. Siamo costruttori di pace e dialogo con tutti perché Cristo Gesù ha una Buona Notizia per ciascun uomo e donna sulla terra.

Rispondi

chiara maistrelli il 17 Febbraio 2015 alle 9:23 am.

Buongiorno,Sua Santita’

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.