I martiri sono di tutti i cristiani!

I martiri sono di tutti i cristiani!

La testimonianza dei cristiani morti per mano degli jihadisti del cosiddetto Stato Islamico ci rende evidente come tutte le varie confessioni cristiane abbiano il comune sangue di Cristo: “Siano cattolici, ortodossi,copti, luterani non importa: sono cristiani! E il sangue è lo stesso. Il sangue confessa Cristo” e per questo, solo per questo, sono stati brutalmente uccisi.

Questi fratelli cristiani, ha aggiunto il Santo Padre, “dicevano solamente «Gesù aiutami!». Sono stati assassinati per il solo fatto di essere cristiani“. Morire a causa del proprio credo religioso sembra una scena da Medio Evo eppure è quanto succede, possiamo dire quasi ogni giorno, in alcune zone del mondo.

La Chiesa oggi esprime un “profondo e triste sentimento” a fronte delle continue notizie di uccisioni di cristiani.

Queste morti, inoltre, ha aggiunto Bergoglio, ci parlano anche di ecumenismo: infatti ci ribadiscono come sia uno scandalo il fatto che i cristiani siano divisi in tante confessioni a volte in lotta tra di loro.

Per chi odia Cristo, infatti, tra cattolici, luterani, evangelici, ortodossi, copti, … non ci sono distinzioni: è l’ecumenismo del sangue. “I martiri“, ha infatti dichiarato Papa Francesco, “sono di tutti i cristiani.

“La fede e la testimonianza cristiana“, soprattutto alla luce della testimonianza di questi martiri, “si trovano di fronte a sfide tali, che soltanto unendo i nostri sforzi potremo rendere un efficace servizio alla famiglia umana e permettere alla luce di Cristo di raggiungere ogni angolo buio del nostro cuore e del nostro mondo“.

È necessario dunque intraprendere con vigore “il cammino di riconciliazione e di pace” tra le varie comunità cristiane, al fine di “avvicinarci sempre di più gli uni agli altri“: si tratta di un cammino il cui registra è lo Spirito Santo, e che potrà “portare a tutti la vita e portarla in abbondanza“.

Share Button

16 Commenti

teodora il 17 Febbraio 2015 alle 12:15 am.

Gli uomini sono stati creati imperfetti ed esposti alla tentazione, con “libero arbitrio”.
L’onnipotenza e la misericordia di Dio ci preservi da ulteriori orrori.

Rispondi

Horacio Daniel Vaimbrand il 16 Febbraio 2015 alle 11:11 pm.

Realmente estamos ante un desaprensión de la vida que pareciera que el diablo no solo entro en las mentes sino en los corazones. Muchas veces asusta la información y pregunto que nos pasa. No reconocemos los valores mínimos y gozamos haciendo el daño al prójimo. Todos somos hermanos , debemos ayudarnos mutuamente y rechazar todo atropello a la dignidad del hombre. No hay credo ni religión que nos quiera dividir, cualquier nombre de Dios según cada credo es el que nos hizo a su semejanza, son nuestras obras que nos indican el camino de la felicidad y el amor. Por favor no olvidemos las atrocidades del pasado.

Rispondi

teodora il 16 Febbraio 2015 alle 8:58 pm.

Troppi martiri, troppe vittime, troppe giovani vite distrutte in modo barbaro, troppe ingiustizie, troppe corruttele….
E doloroso prenderne atto e verificare incessantemente che nulla cambia, nulla interviene…….

Rispondi

Franca il 16 Febbraio 2015 alle 6:28 pm.

Caro Papa Francesco,
come è possibile che Dio permetta così tanta sofferenza per gli innocenti.
La iniquità, l’avidità, del potere qualsiasi esso sia ha compromesso la pace fra gli uomini. Quello che sta succedendo è inaccettabile . Una Italia distrutta nei diritti, nella costituzione nel lavoro che non c’è.
Quelli che oggi conta non sono le persone per bene è solo il denaro e il potere. Metta fine a questa giungla in qualsiasi modo. Glielo chiedo per le voci dei piu deboli e di coloro che fdopo aver lavorato e sacrificato si trovano come me senza lavoro e pensione colpa di qualcuno che invece vive di milioni al mese senza meriitarli o di pensioni e vitalizi mentre chi n
on ce la fa a mantenere la famiglia
troppi sono al governo che mangiano.
Chi a noi ci paga i danni subiti?
Ci aiuti io ho due figli da dar crescere senza lavoro e un nmarito con problemi di salute. Preghi Dio perché mi venga in soccorso. Geazie

Rispondi

Marco Eddy endolf il 16 Febbraio 2015 alle 5:58 pm.

oggi con il santo Padre ho capito una cosa,che i Santi,Martiri e Sante vergini sono in tutte le religioni.io pensavo che i Santi/e , e martiri Santi fossero solo cattolici.ecco perché dice che bisogna rispettare tutte le religioni.certo però e credo al 100% che la Vera Chiesa di Cristo è la cattolica.saluti

Rispondi

Giulio Stoico il 16 Febbraio 2015 alle 5:43 pm.

Io ringrazio Dio, per il fatto che ci dà l’esperienza della Sua

morte in croce per noi, e lo ringrazio perchè ancora oggi è presente in molti martiri del nostro tempo, io credo che tutti noi dobbiamo chiedere al Gesù, che aiuti a non avere mai paura, difronte a queste persecuzioni, è che ci dia la forza di testimoniare, l’amore per Lui anche in questo momento buoi della storia dell’umanità, dove c’è ancora Nerone presente, che per lo scopo dello sporco guadagno e dello sporco potere, non fà altro che ammazzare. La cosa peggiore che come Nerone ancora oggi ci sia un Ponzio Pilato che difronte a questi assassini innocenti sè nè lava le mani.

Rispondi

Maria Luisa Tosoni il 16 Febbraio 2015 alle 4:20 pm.

Che certezza consolante! I nostri martiri non sono morti, hanno donato la vita. Che la chiesa e il mondo possano sempre risplendere del dono prezioso del martirio.

Rispondi

maria del huerto soria bravo de iramain il 16 Febbraio 2015 alle 3:29 pm.

Asi es. Todos los que amamos a Cristo TODOS SOMOS CRISTIANOS. LO SUPE DESDE NINITA.TODOS SOMOS CRISTIANOS.TODOS SOMOS CRISTIANOS PORQUE AMAMOS A CRISTO.

Rispondi

Maria Teresa Torres Cruzeiro il 16 Febbraio 2015 alle 3:22 pm.

Como Cristã, sofro muito ao ver as notícias que são cada vez mais frequentes, de assassinatos de cristãos pelo ” estado islâmico”, uma organização terrorista e assassina. Rezo diariamente pelos meus irmãos que morrem mártires, vertendo o seu sangue como na antiga Roma, pelo simples facto de Acreditarem em Jesus! Que o Senhor Ressuscitado tenha compaixão deste pobre mundo que parece estar a tornar-se mais bárbaro e cruel, quando deveria estar a progredir na moral assim como nos outros campos da ciência e da vida.!

Rispondi

Giuseppe il 16 Febbraio 2015 alle 2:30 pm.

Papa Francesco, ho sognato di esserti davanti in un grande salone in Vaticano per mostrarti qualche cosa di stupendo. Quanto mi ci è voluto poterti avvicinare, essere ricevuto. Io ero solo un messaggero, avevo un scrigno abbastanza grande da consegnarti. Giunto alla tua presenza, ti bacio i piedi e senza dire altro mi avvicino allo scrigno posto al centro del salone. Appena aperto un bagliore immenso invade il salone, dallo stesso esce San Michele Arcangelo che avvicinatosi alla tua destra, ti invita ad affacciarti su piazza San Pietro gremita di folla. Ti invita poi a guardare in alto. Migliaia e migliaia di angeli lentamente si avvicinano e spettano di ascoltare la tua parola, i tuoi ordini. Poi mi sono svegliato, ci sono altri particolari, ma non li ricordo in modo chiaro. Ti abbraccio. Ho recitato in questo istante ,in collegamento col sito di Santa Faustyna Kowalska, la Coroncina alla Divina Misericordia per i martiri di oggi e di sempre, per gli agonizzanti della giornata, per le tue intenzioni . Ti voglio bene e con affetto ti bacio.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.