La preghiera è il luogo in cui rifugiarci per ritrovare noi stessi

Si torna alle Udienze nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, come esordisce oggi con rammarico Papa Francesco, dedicando il primo pensiero agli ammalati da Covid e al personale sanitario.

E si torna a parlare della preghiera, della sua forza e della sua importanza così come ci dimostra Gesù nei Vangeli, il quale “anche nei momenti di maggiore dedizione ai poveri e ai malati, non tralasciava mai il suo dialogo intimo con il Padre.”

E la preghiera di Gesù è “una realtà misteriosa, di cui intuiamo solo qualcosa, […]In quelle ore solitarie – prima dell’alba o nella notte – si immerge nella sua intimità con il Padre”

Spiega il Pontefice “ È la preghiera il timone che guida la rotta di Gesù. […] A tracciare il cammino di Gesù è la via meno comoda, che però obbedisce all’ispirazione del Padre, che Gesù ascolta e accoglie nella sua preghiera solitaria ”

E continua affermando che è con il suo esempio che ci insegna a pregare.

Innanzitutto ci dice di farlo al mattino presto, quando tutto è silenzio, in questo modo “ Il cammino quotidiano, comprese le fatiche, acquista la prospettiva di una vocazione. La preghiera ha il potere di trasformare in bene ciò che nella vita sarebbe altrimenti una condanna; la preghiera ha il potere di aprire un orizzonte grande alla mente e di allargare il cuore.” 

E poi bisogna insistere, pregare sempre, farla diventare un’abitudine poiché “ una preghiera perseverante produce una trasformazione progressiva, rende forti nei periodi di tribolazione ” 

E bisogna farlo in solitudine. “ Nel silenzio, possono emergere tante voci che nascondiamo nell’intimo: i desideri più rimossi, le verità che ci ostiniamo a soffocare e così via. E, soprattutto, nel silenzio parla Dio. ” 

 Per ultimo, dobbiamo capire che “ la preghiera di Gesù è il luogo dove si percepisce che tutto viene da Dio e a Lui ritorna […] è abbandonarsi nelle mani del Padre -conclude Francesco,  perchè la formula finale è sempre “ si faccia la tua volontà. ” 

Share Button

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.