La preghiera è il nostro grido che implora il dono della salvezza

Con l’Udienza di oggi, sempre caratterizzata dall’assenza di fedeli e tenuta nella Biblioteca di Palazzo apostolico, iniziamo con Papa Francesco un nuovo ciclo di catechesi che tratta un tema fondamentale per tutti i credenti: la preghiera.

La descrizione che ne fa il Pontefice è davvero significativa: è il respiro della fede, è la sua espressione più propria. Come un grido che esce dal cuore di chi crede e si affida a Dio.”

La figura presa in esame per descrivere l’importanza di questo atto è quella di Bartimeo, un mendicante di Gerico di cui si parla nel Vangelo di Mc 10,46-52.

Bartimeo è un mendicante cieco, che come tanti sente parlare di Gesù e si apposta per aspettarlo passare. Si accorge della sua presenza dal rumoreggiare della folla, ma essendo cieco come può attirare l’attenzione del Messia? “Usa l’unica arma in suo possesso: la voce. Comincia a gridare: -Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!-” e anche se gli altri lo riprendono intimandogli di smettere, non si fa distrarre dal suo proposito, e continua a gridare. E’ l’unico mezzo che ha e rappresenta così facendo “quella testardaggine tanto bella di coloro che cercano una grazia e bussano, bussano alla porta del cuore di Dio.” E raggiunge il suo scopo, Gesù lo nota, lo fa chiamare e giunto davanti a lui gli chiede quale sia il suo desiderio più grande. Inutile dirlo: vederci di nuovo. E così è stato poiché “Gesù gli dice: -Va’, la tua fede ti ha salvato– . ”

La fede, la fede che è “avere due mani alzate, una voce che grida per implorare il dono della salvezza”.

Ecco quindi la preghiera che diventa il nostro grido, la nostra voce ma, come sottolinea Francesco, “Non pregano solo i cristiani: essi condividono il grido della preghiera con tutti gli uomini e le donne”.

Share Button

1 Commento

JOSEPH BRINCAT il 6 Maggio 2020 alle 5:22 pm.

la fede ce L’ho ma qualche volta mi viene a mancare…non vedo che buio..non vedo che disperazione..e questo anche quando sto pregando cosi tanto in questi giorni…che faccio?

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.