La preghiera inizia in chiesa e continua nelle strade tra la gente

L’Udienza di oggi si è tenuta in Aula Paolo VI, e con essa si è conclusa la Catechesi sulla Preghiera dei Salmi.

La preghiera, afferma Papa Francesco, è “realtà fondamentale della vita” ma non deve essere “fasulla, una preghiera fatta solo per essere ammirati dagli altri. Quello o quelli che vanno a Messa soltanto per far vedere che sono cattolici o per far vedere l’ultimo modello che hanno acquistato, o per fare buona figura sociale. Vanno a una preghiera fasulla. Gesù ha ammonito fortemente al riguardo”.

Pregare con il cuore, quindi, e non limitare questo atto alla chiesa, perché “la preghiera può iniziare nella penombra di una navata, ma poi termina la sua corsa per le strade della città.”

Dove ci sono gli altri poiché “dove c’è Dio, ci dev’essere anche l’uomo” infatti, ricorda il Pontefice, chi “non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. Se tu preghi tanti rosari al giorno ma poi chiacchieri sugli altri, e poi hai rancore dentro, hai odio contro gli altri, questo è artificio puro, non è verità.”

Quando nella propria vita c’è la preghiera, tutti diventano importanti, anche i nemici.

E ricorda un antico detto dei primi monaci cristiani che recita “Beato il monaco che, dopo Dio, considera tutti gli uomini come Dio”.

Infine spiega che può esistere chi cerca Dio ma non riesce a trovarlo, a incontrarlo, però “non si possono mai negare le lacrime dei poveri, pena il non incontrare Dio. Dio non sopporta l’ateismo di chi nega l’immagine divina che è impressa in ogni essere umano.”

Amare gli altri per dimostrare l’amore per Dio, questo il segreto, Dio non ammette chi dice di amarlo ma poi tiene gli altri lontano, a distanza.

 “Non riconoscere la persona umana come immagine di Dio è un sacrilegio, è un abominio, è la peggior offesa che si può recare al tempio e all’altare.”

Share Button

1 Commento

Barbara Gaiardoni il 22 Ottobre 2020 alle 11:28 am.

Gentilissima Nunzia, mi scuso se utilizzo questo spazio per comunicare con lei, ma non ho trovato altre soluzioni. Stamattina ho compilato il format “Contatta lo staff”: dopo l’invio, mi viene detto che si è verificato un errore e di riprovare. Ho riprovato più volte senza alcun successo. Cosa mi consiglia di fare? Ringrazio e saluto cordialmente. Barbara Anna Gaiardoni

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.