La salvezza è tornare a casa con Gesù nella Chiesa

La salvezza è tornare a casa con Gesù nella Chiesa

Gesù quando guarisce, quando va tra la gente e guarisce una persona” ha detto Papa Francesco nel corso dell’omelia odierna in Casa Santa Marta “mai la lascia sola“. Possiamo vedere questo nei tanti gesti di Gesù: egli non è un guaritore che ti cura e poi ti lascia al tuo cammino; Gesù segue ogni persona anche dopo la guarigione per ridarle il posto che le appartiene.

Gesù sa che il Padre ha pensato a un progetto per ogni persona e sa quanto è importante che ogni persona trovi il suo posto nel creato. Gesù stesso, del resto, continua Papa Francesco “non è venuto dal Cielo solo“: Egli “è figlio di un popolo; Gesù è la promessa fatta a un popolo” ha chiarito Bergoglio “e la sua identità è anche appartenenza a quel popolo, che da Abramo cammina verso la promessa“.

Ed è proprio questo, quanto Gesù fa nel momento in cui guarisce una persona: lo riporta dentro il popolo di Dio, dentro quel popolo di cui Egli è figlio, dentro la Chiesa.

Così nelle scritture del giorno troviamo la storia di un uomo il cui figlio era posseduto da uno spirito. Gesù, impietosito dalla fede del padre, scaccia lo spirito dal corpo del figlio ma non si ferma qui: si china sul ragazzo, lo prende per mano e lo fa alzare fino a che non si regge in piedi da solo.

Gesù dona a quel ragazzo non solo la salute, ma il suo posto: Gesù “ad ognuno lo fa tornare al suo posto, non lo lascia per strada. E sono gesti bellissimi del Signore“.

Questi gesti di Gesù ci insegnano che ogni guarigione, ogni perdono – ha quindi terminato Papa Francesco – sempre ci fanno tornare al nostro popolo, che è la Chiesa“. Questo perché “se ognuno di noi ha la possibilità e la realtà di andarsene da casa per un peccato, uno sbaglio – Dio sa – la salvezza è tornare a casa, con Gesù nella Chiesa“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

5 Commenti

giuliano il 28 Febbraio 2014 alle 12:53 pm.

vorrei sapere il pensiero del papa sugli scritti di mauro biglino,e del traduttore russo delle tavolette cuneiformi sumeriche.la loro lettura mi hanno confuso molto.

Rispondi

Giuseppe il 1 Marzo 2014 alle 5:52 pm.

Perché non ci dai un assaggino?

Ciao.

🙂

Rispondi

Giuseppe il 25 Febbraio 2014 alle 9:56 am.

Guagljù, ditemi voi, ma c’è un Amico più sincero e paziente di Gesù? Io, dico di no. E voi che dite? Un Amico sempre pronto ad ascoltarci e perdonarci. Jamme belle guagljù, con Gesù, tutto. Senza Gesù, il nulla. Riflettiamo… riflettiamo.

Bona jurnata in Cristo Amico nostro. 🙂

Rispondi

Bruna il 24 Febbraio 2014 alle 7:24 pm.

Sua Santità la ringrazio delle belle riflessioni ,che ci invia tutti i giorni.Mi aiutano ad affrontare i problemi di tutti i giorni.grazie

Rispondi

Salvo Fornito il 24 Febbraio 2014 alle 7:07 pm.

Ciccio, fai in modo che mia figlia, venga Cresimata, dalla zia che AMA, anche se vive con un divorziato.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.