L’ideale non è il divorzio, non è la separazione, l’ideale è la famiglia unita

 

Nello scorso fine settimana Papa Francesco ha compiuto un viaggio in Irlanda per l’Incontro Mondiale delle Famiglie. La sua presenza voleva soprattutto confermare le famiglie cristiane nella loro vocazione e missione.

Le migliaia di famiglie convenute a Dublino, con tutta la varietà delle loro lingue, culture ed esperienze, sono state segno eloquente della bellezza del sogno di Dio per l’intera famiglia umana perchè il sogno di Dio è l’unità, l’armonia e la pace, nelle famiglie e nel mondo, frutto della fedeltà, del perdono e della riconciliazione che Lui ci ha donato in Cristo. Egli chiama le famiglie a partecipare a questo sogno e a fare del mondo una casa dove nessuno sia solo, nessuno sia non voluto, nessuno sia escluso. Proprio come il nome dell’incontro in Irlanda: “Il Vangelo della famiglia, gioia per il mondo”.

Il Santo Padre rende grazie al Presidente dell’Irlanda e alle diverse autorità governative, civili e religiose, e alle tante persone di ogni livello che hanno aiutato a preparare e realizzare gli eventi dell’Incontro. Rivolgendosi alle Autorità, nel Castello di Dublino, ha ribadito che la Chiesa è famiglia di famiglie, e che, come un corpo, sostiene queste sue cellule nel loro indispensabile ruolo per lo sviluppo di una società fraterna e solidale.

Veri e propri “punti-luce” di queste giornate sono state le testimonianze di amore coniugale date da coppie di ogni età. Le loro storie ci hanno ricordato che l’amore del matrimonio è uno speciale dono di Dio, da coltivare ogni giorno nella “chiesa domestica” che è la famiglia. Il mondo ha bisogno di una rivoluzione di amore che ci salvi dall’attuale cultura del provvisorio!

Nella Pro-Cattedrale di Dublino Bergoglio ha incontrato alcune famiglie che affrontano particolari sfide e difficoltà e grazie ai Frati Cappuccini, che sempre sono vicini al popolo, e alla più ampia famiglia ecclesiale, sperimentano la solidarietà e il sostegno che sono frutto della carità.

Momento culminante della visita è stata la grande festa con le famiglie nello stadio di Dublino, seguita domenica dalla Messa nel Phoenix Park. Nella Veglia ci sono state varie testimonianze di famiglie che hanno sofferto per le guerre e famiglie che si sono salvate dalla spirale delle dipendenze. Oggi sembra che i nonni disturbino. In questa cultura dello scarto, i nonni si “scartano”, si allontanano. Ma i nonni sono la saggezza, sono la memoria di un popolo, la memoria delle famiglie! E i nonni devono trasmettere questa memoria ai nipotini. I giovani e i bambini devono parlare con i nonni per portare avanti la storia.

Nella mattina di domenica Papa Francesco ha fatto il pellegrinaggio al Santuario mariano di Knock, tanto caro al popolo irlandese. Lì, nella cappella costruita sul luogo di un’apparizione della Vergine, il Santo Padre ha affidato alla sua protezione materna tutte le famiglie, in particolare quelle dell’Irlanda. E sebbene il viaggio non comprendesse una visita in Irlanda del Nord il Santo Padre ha incoraggiato un processo di riconciliazione, pacificazione, amicizia e cooperazione ecumenica.

Il Santo Padre ha incontrato anche i Vescovi e li ha incoraggiati nel loro sforzo per rimediare ai fallimenti del passato con onestà e coraggio, confidando nelle promesse del Signore e contando sulla profonda fede del popolo irlandese, per inaugurare una stagione di rinnovamento della Chiesa in Irlanda.

L’Incontro Mondiale delle Famiglie a Dublino è stata un’esperienza profetica per Papa Francesco, confortante, di tante famiglie impegnate nella via evangelica del matrimonio e della vita familiare; famiglie discepole e missionarie, fermento di bontà, santità, giustizia e pace.

Il prossimo Incontro Mondiale delle famiglie, si terrà a Roma nel 2021. Affidiamole tutte alla protezione della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe, perché nelle loro case, parrocchie e comunità possano essere veramente “gioia per il mondo”.

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

4 Commenti

Celia Iniesta Solano il 1 settembre 2018 alle 6:42 pm.

Buenas tardes.

Padre: Viva Dios !! El inventor de la familia. jejeje!!! estoy muy contenta, llena de alegría y ilusión. Falta un mes para que comienze las clases de esta nueva carrera que comienzo ( teología). Y ya vi algo más que no sabía. Introducción a las Sagradas Escrituras. A mi esto me apasiona. Tambièn tengo un trabajo nuevo, entiendo por lo que usted pasó con las personas que le atacan, eso de una forma distinta me ocurrió en mi anterior trabajo. La verdad que yo me quería ir de allí. Pero hasta que no se demostró la verdad, El Señor no me dejó. Y Aleluya!! El cambio ha sido para mejor, siempre fue así, y para mejor. Jejej, no esté triste, por Dios se lo pido. Todavía queda mucho por hacer, muchas alegrías que recibir, y muchos demonios que mandar al infierno. Jejejej. Esto no hay quién lo pare. Es Dios. Es la verdad, y la verdad se abre camino hacia la realidad., y además no necesita que la defienda, se defiende sola aunque le cueste la vida. Así son los auténticos hijos de Dios.

En cuanto me termine de examinar del ingles en estas dos próximas semanas, terminaré la pintura:Padre Eterno. Estoy disfrutando de ella una cosa bárbara (Lo reconozco) observándola. Es una maravilla. Yo le avisaré cuando la envíe. Pero aún queda. Es que yo la estoy viendo. Y Dios es quién tiene siempre la última palabra. Yo no hablaré si Dios no quiere, esto lo tengo muy claro. Siempre fue así. Y así será.

Un fuerte abrazo.

Celia

Rispondi

Bernardi Giorgio il 31 agosto 2018 alle 8:10 am.

È ora di abolire il celibato OBBLIGATORIO per il clero, perché contrario alle origini della Chiesa e contro natura, ed aiuta ad evitare la solitudine da vecchi,
come implicitamente ribadito anche da S.Paolo in una famosa epistola (non ricordo esattamente quale) in cui afferma che il Vescovo “non deve avere che una moglie”.

Rispondi

Marianna il 29 agosto 2018 alle 9:19 pm.

Parole sante. È quello che pensò sempre e dico sempre.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.