L’unità è accoglienza; mai sottomissione né assorbimento

L'unità è accoglienza; mai sottomissione né assorbimento

L’ecumenismo, vero cuore della Visita Apostolica in Armenia, è stato nuovamente al centro della riflessione del Santo Padre nella Divina Liturgia, celebrata nella Cattedrale Apostolica Armena di Etchmiadzin: gli “apostoli Bartolomeo e Taddeo, che proclamarono per la prima volta il Vangelo in queste terre, e i santi Pietro e Paolo, che diedero la vita per il Signore a Roma“, di cui sono successori rispettivamente Karekin II e Francesco, “si rallegrano nel vedere il nostro affetto e la nostra aspirazione concreta alla piena comunione“.

Dopo aver dichiarato ieri di voler correre verso l’unità, non per desiderio di supremazia, ma quale segno tangibile di amore per i fratelli, oggi Papa Bergoglio ha detto che “in questi giorni abbiamo sperimentato come è bello e come è dolce che i fratelli vivano insieme“.

E facendo proprie le parole dell’apostolo Paolo, il Vescovo di Roma ha proseguito dicendo che, quando vi è unione tra i discepoli di Gesù, si crea “un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio e Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, opera per mezzo di tutti ed è presente in tutti“.

È questa la preghiera che lo stesso Gesù ha rivolto, prima di morire, affinché tutti i cristiani siano una cosa sola: la divisione dei cristiani, ha ricordato il Papa, è infatti uno “scandalo“. In tal senso l’invito ad accogliere “il richiamo dei santi, ascoltiamo la voce degli umili e dei poveri, delle tante vittime dell’odio, che hanno sofferto e sacrificato la vita per la fede; tendiamo l’orecchio alle giovani generazioni, che implorano un futuro libero dalle divisioni del passato“.

Alla luce di questo, ha concluso Papa Francesco “in tutti sorga un forte anelito all’unità, a un’unità che non deve essere né sottomissione l’uno dell’altro, né assorbimento, ma piuttosto accoglienza di tutti i doni che Dio ha dato a ciascuno per manifestare al mondo intero il grande mistero della salvezza realizzato da Cristo Signore per mezzo dello Spirito Santo”.

La celebrazione si è dunque conclusa con la richiesta di Francesco, rivolta a Karekin II, “di benedirmi, di benedire me e la Chiesa Cattolica, di benedire questa nostra corsa verso la piena unità”. Un impegno chiaro, dunque, tra le due Chiese ad aumentare gli sforzi per giungere alla condivisione della Mensa Eucaristica.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.