Nella mangiatoia non c’è il consumismo ma la povertà e l’amore

La quarta e ultima domenica di Avvento si torna a parlare, all’Angelus in Piazza San Pietro, dell’Annunciazione a Maria della nascita del Messia da parte dell’angelo.

Tutte le donne, spiega Papa Francesco, avrebbero voluto avere quella gioia, ma “insieme alla gioia, quelle parole preannunciano a Maria una grande prova. Perché? Perché in quel momento ella era -promessa sposa-. In tale situazione, la Legge di Mosè stabiliva che non dovevano esserci rapporti e coabitazione. Dunque, avendo un figlio, Maria avrebbe trasgredito la Legge, e le pene per le donne erano terribili: era prevista la lapidazione .”  

Quindi Maria si trova dinanzi ad una scelta, ma invece di chiedere magari di pensarci un pò, o addirittura di rifiutare, la sua risposta pronta è Avvenga per me secondo la tua parola.   Ma questa, continua il Pontefice, non è rassegnazione. Non esprime un’accettazione debole e remissiva, esprime un desiderio forte, un desiderio vivo. Non è passiva, è attiva. Non subisce Dio, aderisce a Dio.

  Lei non rinvia come spesso facciamo noi, e oggi, alle porte del Natale, Maria ci invita a non rimandare, a dire “sì”: “Devo pregare?” “Sì, e prego”. “Devo aiutare gli altri? Sì”. E ricordiamo che anche se ogni sì che diciamo a noi stessi ci costa, non può mai essere paragonabile al sì coraggioso che ha espresso Lei donando se stessa al Signore.

E infine la raccomandazione più importante, in questo periodo che ci vede forse anche sconfortati ma sicuramente confusi anziché lamentarci di quello che la pandemia ci impedisce di fare, facciamo qualcosa per chi ha di meno: non l’ennesimo regalo per noi e per i nostri amici, ma per un bisognoso a cui nessuno pensa! E […]andiamo a pregare. […] l’importante è Gesù. Il consumismo, fratelli e sorelle, ci ha sequestrato il Natale. Il consumismo non è nella mangiatoia di Betlemme: lì c’è la realtà, la povertà, l’amore. Prepariamo il cuore come ha fatto Maria: libero dal male, accogliente, pronto a ospitare Dio. ”

Share Button

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.