Nell’Udienza Generale il settimo comandamento “Non rubare”

 

Il significato all’interno del messaggio divino: nessuno possiede le risorse di cui si sta appropriando, e mentre il mondo è ricco, molti vivono in scandalosa indigenza.

Nessuno è “proprietario assoluto di beni”, ognuno è “amministratore”.

Durante l’udienza generale in piazza San Pietro, il Papa Francisco ha offerto un “ampia” lettura al settimo comandamento Non rubare e ha ricordato che oggi “molti vivono in una vergognosa indigenza, non perché mancano le risorse, che sono in abbondanza, ma perché è assente la distribuzione equa di esse.

C’è un’umanità che vuole avere sempre di più, Dio ci ricorda che “la vita non è il tempo di possedere, ma di amare”.

“Ascoltando questo comandamento”, ha detto Jorge Mario Bergoglio, “abbiamo pensato all’oggetto del furto e al rispetto della proprietà altrui. Non c’è cultura in cui il furto e la prevaricazione della proprietà siano leciti. La sensibilità umana, infatti, è molto suscettibile alla difesa del possesso. Ma vale la pena aprirsi a una lettura più ampia di questa Parola, concentrandosi sulla questione della proprietà dei beni alla luce della saggezza cristiana “ha proseguito il Papa.

Il mondo è ricco di risorse per assicurare tutti i beni primari.Tuttavia, molti vivono in una scandalosa indigenza e le risorse, utilizzate senza criteri, si stanno deteriorando.

Quando riusciremo a capire che il mondo è uno! L’umanità è una sola! La ricchezza del mondo è nelle le mani di pochi di minoranza, e la povertà, più miseria è la sofferenza di tanti, della maggioranza. Se c’è fame sulla terra, non è perché manca il cibo! Inoltre, a causa delle richieste del mercato, a volte viene distrutto.

Ogni ricchezza, per essere buona, “deve avere una dimensione sociale”, aggiunge Jorge Mario Bergoglio.

“Con questa prospettiva, viene mostrato il significato positivo e ampio del comando” Non rubare “.

Il possesso è una responsabilità: essere ricco, è una responsabilità per quello che possiedo .

Quello che possiedo veramente è ciò che so dare .

In effetti, se non posso donare qualcosa, è perché quella cosa mi possiede. Esso ha potere su di me e io sono suo schiavo.

Il possesso dei beni dovrebbe essere vista come un’occasione per moltiplicarli con la creatività e usarli con generosità condividendoli.

Dove viene prima l’amore per il denaro, lo sforzo per possedere, segue la vanità:” Sono ricco e vanitoso “. E infine orgoglio e arroganza.

La porta d’ingresso del diavolo, il modo in cui agisce su di noi è attraverso le tasche .

Per questo il Papa ha indicato “Non ruberai “significando: ama i tuoi beni, approfitta dei tuoi mezzi per amare come meglio puoi.

Solo allora la tua vita diventa buona e il possesso diventa veramente un dono. Perché la vita non è il tempo di possedere, ma di amare .

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

2 Commenti

Marianna il 7 novembre 2018 alle 8:44 pm.

Amen 🙏🏻

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.