Nell’Udienza Generale il settimo comandamento “Non rubare”

 

Il significato all’interno del messaggio divino: nessuno possiede le risorse di cui si sta appropriando, e mentre il mondo è ricco, molti vivono in scandalosa indigenza.

Nessuno è “proprietario assoluto di beni”, ognuno è “amministratore”.

Durante l’udienza generale in piazza San Pietro, il Papa Francisco ha offerto un “ampia” lettura al settimo comandamento Non rubare e ha ricordato che oggi “molti vivono in una vergognosa indigenza, non perché mancano le risorse, che sono in abbondanza, ma perché è assente la distribuzione equa di esse.

C’è un’umanità che vuole avere sempre di più, Dio ci ricorda che “la vita non è il tempo di possedere, ma di amare”.

“Ascoltando questo comandamento”, ha detto Jorge Mario Bergoglio, “abbiamo pensato all’oggetto del furto e al rispetto della proprietà altrui. Non c’è cultura in cui il furto e la prevaricazione della proprietà siano leciti. La sensibilità umana, infatti, è molto suscettibile alla difesa del possesso. Ma vale la pena aprirsi a una lettura più ampia di questa Parola, concentrandosi sulla questione della proprietà dei beni alla luce della saggezza cristiana “ha proseguito il Papa.

Il mondo è ricco di risorse per assicurare tutti i beni primari.Tuttavia, molti vivono in una scandalosa indigenza e le risorse, utilizzate senza criteri, si stanno deteriorando.

Quando riusciremo a capire che il mondo è uno! L’umanità è una sola! La ricchezza del mondo è nelle le mani di pochi di minoranza, e la povertà, più miseria è la sofferenza di tanti, della maggioranza. Se c’è fame sulla terra, non è perché manca il cibo! Inoltre, a causa delle richieste del mercato, a volte viene distrutto.

Ogni ricchezza, per essere buona, “deve avere una dimensione sociale”, aggiunge Jorge Mario Bergoglio.

“Con questa prospettiva, viene mostrato il significato positivo e ampio del comando” Non rubare “.

Il possesso è una responsabilità: essere ricco, è una responsabilità per quello che possiedo .

Quello che possiedo veramente è ciò che so dare .

In effetti, se non posso donare qualcosa, è perché quella cosa mi possiede. Esso ha potere su di me e io sono suo schiavo.

Il possesso dei beni dovrebbe essere vista come un’occasione per moltiplicarli con la creatività e usarli con generosità condividendoli.

Dove viene prima l’amore per il denaro, lo sforzo per possedere, segue la vanità:” Sono ricco e vanitoso “. E infine orgoglio e arroganza.

La porta d’ingresso del diavolo, il modo in cui agisce su di noi è attraverso le tasche .

Per questo il Papa ha indicato “Non ruberai “significando: ama i tuoi beni, approfitta dei tuoi mezzi per amare come meglio puoi.

Solo allora la tua vita diventa buona e il possesso diventa veramente un dono. Perché la vita non è il tempo di possedere, ma di amare .

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Celia Iniesta Solano il 10 novembre 2018 alle 12:23 pm.

Buenos días, Padre.

Dios sólo quiere lo mejor para nosotros. Y el mal nos hace mal. Y el bien nos hace Bien. Y no hay más.

Padre, cuantos cambios, cuantos caminos nuevos y cuanto amor expresado a Dios; me encontrado. Que maravilla, ver el amor de Dios en los seres humanos. Y nada, la verdad es que estoy estudiando mucho. Ahora la mayoría de mis profesores son Padres Franciscanos. La mayoría de mis compañeros de clase son monjas o monjes. Habrán unos 7-10 laicos y 10-15 religiosos. Y muy bien. Ha estudiar se ha dicho. Y también en la escuela de idiomas estoy. Un sin parar de recibir conocimiento. Tengo ahora mismo la mente completamente abierta al conocimiento. Y Pintando, La maravilla de las maravillas. Dios. Estuve rezando el mes pasaso el rosario en frente de este cuadro por un mes. Mirando a Dios a los ojos. Al principio no sabía rezar el rosario, y lo estaba rezando al revés. Luego me di cuenta en el manual y ya lo hize bien. Y nada Dios dirá cuando está listo esta maravilla de pintura suya. Yo la estoy disfrutando y verla en algunas ocasiones me hizo tomar decisiones. Todo es posible con Dios. Y nada espero que todo vaya bien. Dios dirá cual es el siguiente paso, el siguiente camino que tomar. Nunca se equivoca. Es Dios. Yo. de momento me mantengo en silencio. Escuchando a Dios. Aprendiendo a interpretar la Biblia. Dios manda y manda mucho. Y para saber mandar hay que saber obeceder. Y yo obecezco. Jejejej!! Buen día!!

Un abrazo Padre, hasta pronto. Dios lo bendiga hasta la eternidad.

Celia.

Rispondi

Marianna il 7 novembre 2018 alle 8:44 pm.

Amen 🙏🏻

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.