Il Papa consiglia ai genitori di non litigare mai davanti ai loro figli

Nella Messa che ha presieduto questa mattina nella Cappella Sistina in Vaticano il Papa ha battezzato 27 bambini, per la festa del Battesimo del Signore, Papa Francesco ha consigliato ai genitori di non litigare mai davanti al bambini.

Il Santo Padre ha sottolineato nella sua omelia l’importanza della trasmissione della fede con la propria vita a casa.

Papa Francesco ha detto:”E lascia che ti dia un consiglio – perdonami, ma ti consiglio questo – non litigare mai davanti ai bambini, mai . È normale che i marito e moglie abbiano delle discussioni, è normale. Sarebbe strano altrimenti. Fatelo, ma non fate ascoltare , non lasciate che vedano. ”

Il Santo Padre ha spiegato che quando un bambino vede i suoi genitori litigare, questo genera una grande angoscia che può essere dolorosa.

Francesco dice:”Non conoscete l’angoscia che un bambino prova quando vede i suoi genitori litigare. Questo, che mi permetto di darvi, è un consiglio che vi aiuterà a trasmettere la fede. Litigare è brutto ? Non sempre, ma è normale. Ma i bambini non vedono, non ascoltano, a causa dell’angoscia. ”

Papa Francisco ha anche sottolineato l’importanza dei genitori che insegnano la fede tutti i giorni.

“All’inizio della cerimonia è stata posta una domanda: ‘Cosa si chiede per i figli?’ E tutti voi avete detto: “Fede”. Chiedete alla Chiesa fede per i vostri figli e oggi riceveranno lo Spirito Santo e il dono della fede ciascuno nel proprio cuore, nella propria anima. Ma dopo deve svilupparsi, deve crescere “.

Prima di studiare le lezioni di catechismo, la catechesi della parrocchia, è importante che la fede si trasmette a casa: “Questo è fatto in casa perché la fede è sempre trasmesso ‘dialetto’: il dialetto della famiglia, dialetto della casa,il clima della casa “.

Papa Francesco ha continuato dicendo:”E se piangono per la fame, mamme allattateli. Alle madri dico questo ‘Allattare al seno i bambini, siate calme’, il Signore vuole questo. Perché dov’è il pericolo? In quanto hanno anche una vocazione polifonica: uno comincia a piangere e l’altro fa il contrappunto, e poi altri e alla fine abbiamo un coro di pianto, E cosi andiamo avanti in questa cerimonia in pace e con la consapevolezza che tocca a voi, la trasmissione delle fede”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Marianna il 14 Gennaio 2019 alle 7:58 pm.

Amen 🙏🏻

Rispondi

Ivana Barbonetti il 14 Gennaio 2019 alle 7:51 am.

Nonna Amabile fu’ il mio esempio di fede, parlava poco, tutte la mattine si alzava presto per andare alla prima messa, comprare il pane appena sfornato rincasare per prepararmi per andare a scuola, il pomeriggio io facevo i compiti lei sgranava silenziosamente il rosario.-Poche parole, ma tanti esempi di vita———-Ivana Barbonetti

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.