Papa Francesco celebra la Santa Messa ad Abu Dhabi: “Sono venuto per dirti: beato!”

 

La comunità cattolica di Abu Dhabi ha ricevuto Papa Francesco, nella Cattedrale di San Jose, una delle due chiese della capitale degli Emirati Arabi Uniti, dove il Santo Padre è in viaggio apostolico.

È stata una breve visita prima della celebrazione della grande messa nello Zayed Sports City Stadium, ma i fedeli, circa 300, si sono rivolti a ricevere il Pontefice con grande entusiasmo e affetto.

La comunità cattolica degli Emirati è di piccole dimensioni, ma importante in percentuale, poiché rappresenta il 10% della popolazione del paese. Quasi tutti sono lavoratori degli asiatici del sud e dell’est che sono negli Emirati come lavoratori.

Nella Cattedrale, è stato ricevuto dal Vicario Apostolico dell’Arabia del Sud, dal Vicario Generale e dal Parroco della Cattedrale.

Francesco ha salutato brevemente i presenti, ha affermato che per lui è una grande gioia poter visitare le giovani Chiese come quella attuale negli Emirati e ha ringraziato i fedeli per la loro testimonianza.

Alla fine, dopo aver pregato per qualche minuto, si è diretto allo stadio Zayed Sports City Stadium per celebrare la Santa Messa, il più grande stadio del paese, posto sotto alta sicurezza. Davanti a una folla sovvertita da un evento storico, c’erano circa 120.000 cattolici e persino 4000 musulmani.

Francesco, fedele al suo desiderio di mostrare la vicinanza della Chiesa alle periferie del pianeta, è venuto a salutare quasi esclusivamente i lavoratori immigrati, compresa la stragrande maggioranza dei filippini e degli indiani in abiti colorati. Figlio di immigrati italiani cresciuti in un’Argentina multiculturale, Jorge Bergoglio è sempre molto sensibile alle difficoltà delle persone sradicate. “Per te non è certo facile vivere lontano da casa e sentire, naturalmente, oltre all’assenza di affetto dei più cari, l’incertezza del futuro”, ha detto durante la sua omelia in italiano e tradotto in arabo con l’altoparlante. Il Papa ha celebrato eccezionalmente la Messa in inglese. “Voi siete un coro che comprende una varietà di nazioni, lingue e riti”, ha sottolineato, parlando di una “gioiosa polifonia della fede” che costruisce la Chiesa.

L’atmosfera era speciale, ed era quello che sentiva il Pontefice. L’esperienza del Papa in questo viaggio è stata molto positiva, e questo si è riflesso nella sua omelia, dove ha ringraziato la comunità cattolica degli Emirati “per il modo in cui vivi il Vangelo”.

“Si dice che tra il Vangelo scritto e quello vissuto ci sia la stessa differenza tra la musica scritta e quella eseguita. Tu conosci la melodia del Vangelo e vivi l’entusiasmo del suo ritmo. Tu sei un coro composto da una varietà di nazioni, lingue e riti; una diversità che lo Spirito Santo ama e vuole armonizzare sempre di più, per fare una sinfonia. Questa gioiosa sinfonia di fede è una testimonianza che tu dai a tutti e che costruisce la Chiesa “.

Papa Francesco ha centrato la sua omelia sulle Beatitudini e ha spiegato che “se sei con Gesù; se ami ascoltare la sua parola come i discepoli di quel tempo; Se vuoi viverlo ogni giorno, sei benedetto. Non sarai benedetto, ma sei benedetto: questa è la prima realtà della vita cristiana “.

“Non consiste in un elenco di prescrizioni esterne da soddisfare o in un insieme complesso di dottrine che devono essere conosciute. Prima di tutto, non è questo; è sentire, in Gesù, amati figli del Padre. È vivere la gioia di questa felicità, capire la vita come una storia d’amore, la storia dell’amore fedele di Dio che non ci abbandona mai e vuole vivere sempre in comunione con noi “.

In questo senso, ha chiamato “beati” i fedeli negli Emirati. Tuttavia, ha avvertito che “vivere come

beati e seguire la strada di Gesù non significa essere sempre felici. Chi è afflitto, chi subisce l’ingiustizia, chi si arrende ad essere un architetto di pace sa cosa vuol dire soffrire. Certo, non è facile per te vivere lontano da casa e forse sentire l’assenza delle persone più amate e l’incertezza sul futuro “.

Il Pontefice ha proseguito dicendo:”Ma il Signore è fedele e non abbandona il suo popolo. Il Signore è vicino. Di fronte a una prova oa un periodo difficile, potremmo pensare di essere soli, anche dopo aver trascorso così tanto tempo con il Signore. Ma in quei momenti, anche se non interviene rapidamente, cammina al nostro fianco e, se continuiamo, aprirà una nuova strada. Perché il Signore è uno specialista nel fare nuove cose e sa come aprire strade nel deserto. ”

D’altra parte, ha sottolineato il Papa che “per vivere le Beatitudini non servono gesti spettacolari. Diamo un’occhiata a Gesù: non ha lasciato nulla di scritto, non ha creato nulla di impressionante. E quando ci ha detto come vivere, non ci ha chiesto di fare grandi opere o di emergere eseguendo imprese straordinarie. Ci ha chiesto di realizzare un’unica opera d’arte, alla portata di tutti: quella della nostra vita “.

“Le beatitudini sono uno stile di vita: non richiedono azioni sovrumane, ma noi imitiamo Gesù ogni giorno. Ci invitano ad avere un cuore puro, a praticare la mansuetudine e la giustizia nonostante tutto, a essere misericordiosi con tutti, a vivere afflizioni unite a Dio. È la santità della vita di tutti i giorni, che non ha bisogno di miracoli o segni straordinari “.

“Le Beatitudini non sono per i super-uomini, ma per coloro che affrontano le sfide e le prove di ogni giorno. Chi li vive sulla via di Gesù purifica il mondo. ”

Il Pontefice ha concluso affermando: “Gesù, che ti chiama beato, ti dà la grazia di andare avanti senza scoraggiamento, crescendo nell’amore reciproco e nell’amore per tutti”

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

2 Commenti

Marianna il 5 Febbraio 2019 alle 8:01 pm.

Parole Sante!

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.