Papa Francesco: orribile attentato a Parigi ci fa pensare alla crudeltà

papa francesco orribile attentato parigi fa pensare alla crudeltà

Oggi, 8 gennaio 2015, Papa Francesco ha celebrato la prima Messa pubblica del 2015 dedicandola alle vittime dell'”orribile attentato” di Parigi di ieri, alla redazione del settimanale satirico “Charlie Hebdo”: “l’attentato di ieri a Parigi ci fa pensare a tanta crudeltà, crudeltà umana; …Ma la crudeltà della quale è capace l’uomo! – ha detto il Pontefice – Preghiamo, in questa Messa, per le vittime di questa crudeltà. Tante! E chiediamo anche per i crudeli, perché il Signore cambi il loro cuore“.

Nel corso dell’omelia, poi, prendendo spunto dalla Prima Lettura del giorno (1 Gv 4, 7-10) Francesco ha sottolineato come si debba amare il proprio vicino: questa, ovvero l’amare il proprio vicino, è la strada che permette di giungere ad amare Dio.

Dio è amore! E soltanto per la strada dell’amore, tu puoi conoscere Dio.” ha spiegato il Santo Padre “Amore ragionevole, accompagnato dalla ragione. Ma amore! Ma come posso amare quello che non conosco?‘”

La risposta a questa domanda è “Ama quelli che tu hai vicino“: in questo modo “cioè attraverso l’amore al prossimo arriviamo a conoscere Dio, che è amore. Soltanto amando ragionevolmente, ma amando, possiamo arrivare a questo amore“.

È in questa ottica che comprendiamo come tutti i comandamenti si riassumano nei due più importanti comandamenti che ci ha indicato Gesù: “amare Dio, perché Lui è amore” ed “amare il prossimo.

Comprendiamo dunque come “per arrivare al primo [ comandamento ] dobbiamo salire per gli scalini del secondo“: “chi ama conosce Dio – ha quindi ribadito il Santo Padre – chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore“.

Facciamo attenzione però a non confondere la natura dell’amore di Dio: quello di Dio non è “amore di telenovela” ma è invece un “Amore solido, forte; amore eterno, amore che si manifesta nel suo Figlio, che è venuto per salvarci. – ha quindi concluso – Amore concreto; amore di opere e non di parole. Per conoscere Dio ci vuole tutta una vita; un cammino, un cammino di amore, di conoscenza, di amore per il prossimo, di amore per quelli che ci odiano, di amore per tutti“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

13 Commenti

Chiara il 9 Gennaio 2015 alle 4:13 pm.

E davvero assurdo quello che sta succedendo ,c’è. Troppo odio e rancore nel mondo e in questo modo si distrugge tutto,dobbiamo pregare di più e restare più uniti nella preghiera con amore e serenità…

Rispondi

PAOLA BACCHION il 9 Gennaio 2015 alle 9:14 am.

Un,abbraccio a Papa Francesco. Grazie a voi cari operatori volontari che ci date la possibilità di leggere l,omelia ogni giorno ciao a tutti

Rispondi

Marilena il 9 Gennaio 2015 alle 6:41 am.

Amare e’ la sola strada per incontrare Gesù chi e’ l’uomo per togliere la vita al prossimo, Dio Padre ci dice di amare il prossimo come noi stessi e ancora oggi accadono crudeltà e barbarie simili. Operiamo per la pace e non per la guerra vivendo con Cristo e per Cristo seguendo il Suo esempio di vita e mettendo in pratica ciò che il Padre ci ha insegnato. Non ribelliamoci all’amore seguendo la distruzione e la morte ma viviamo per costruire la pace. La pace dobbiamo crearla nel nostro cuore e non permettere al diavolo di attaccarla ma difendiamola e amiamoci tra noi. La liberta’ dell’uomo e’ un diritto non abusiamone x togliere la vita agli altri ma per renderci tutti fratelli e unendo le nostre mani riedificheremo anche dove la distruzione ha devastato tutto. Non perdiamo la speranza e preghiamo incessantemente per combattere contro tutte le barbarie e con Gesù al nostro fianco e la Nostra Madre Celeste siamo piu’ che vincitori. Crediamo nel bene e preghiamo per coloro che non amano e non credono affinché la luce del Cristo Risorto entri nei cuori e spazzi via le tenebre di morte. Buona giornata

Rispondi

luciana serrati il 9 Gennaio 2015 alle 6:12 am.

Com’è difficile, Santo Padre, amare tutti…anche quelli che possiedono nel cuore tanta crudeltà! Eppure Gesù ci ha insegnato come si fa ad amare anche quelli che ti crocifiggono…e poi riuscire a chiamarli “amici”, guardarli negli occhi con bontà e dire loro “pace a voi”! Eppure, uno che s’ispira ad una scuola d’amore come il Vangelo, non può esimersi dal perdonare, chi è diventato strumento del male…forse è difficile buttargli subito le braccia al collo, come si fa con il fratello più caro….è vero!…ma si può aiutare a liberarsi dalle catene del demonio, supplicando, attraverso la preghiera, l’intervento del Signore, perchè, …Lui che può tutto,… guarisca quell’anima , con la Sua infinita misericordia, e lo “contagi” amorevolmente, con l’amore divino…che trasforma ogni cuore. Signore, aiutaci ad allontanarci da ogni forma di odio e di desiderio di vendetta, seppur quali testimoni di tanta crudeltà umana.!..Non siamo soli: Dio è con noi!!!

Rispondi

crestani anna maria il 8 Gennaio 2015 alle 11:32 pm.

L’attentato al giornale di Parigi è un fatto orribile come quelli che ultimamente riempiono i giornali e i telegiornali ultimamente .Concordo con Papa Francesco che dobbiamo amare incondizionatamente, solo così potremo essere Pace oggi nel nostro cuore ed un domani con tutti. Ma questo amore rivolto al prossimo dovrebbe essere anche preso in considerazione dalla “libertà di Stampa” nei suoi riferimenti verso “gli altri” in modo che quanto viene scritto e divulgato non sia una miccia pronta a far esplodere situazioni già tanto pericolose e per le quali persone di “BUONA VOLONTA’ si stanno prodigando per raggiungere accordi di Pace!

Rispondi

esmeralda il 8 Gennaio 2015 alle 10:34 pm.

Gli estremisti islamici vogliono lo scisma di tutte le religioni ed usano la violenza per creare uno stato islamico mondiale che non coincide con i veri precetti del corano . Ciò è nato dal tempo in cui i crociati combattevano i saraceni per la difesa della cristianità. Esistono fra loro persone per bene ed onesti lavoratori come tra noi e non è giusto rimetterci per delle frange estreme . La libertà di pensiero è un diritto sacro sancito dalla costituzione e dalle leggi universali sui diritti dell’uomo

Rispondi

Anna Maria Zumpano il 8 Gennaio 2015 alle 10:10 pm.

Papa Francesco parla con il cuore sempre? Signore aiutalo e allontana da lui ogni pericolo. Ascoltiamolo e evitiamogli ogni dispiacere con i nostri comportamenti incoerenti.

Rispondi

luigina il 8 Gennaio 2015 alle 8:40 pm.

forse le nostre preghiere non sono abbastanza profonde e non arrivano all’orecchio di Dio

Rispondi

Marco Eddy Endolf il 8 Gennaio 2015 alle 8:31 pm.

insomma c’è la caccia al Cristiano che sia negro,africano,americano,russo,arabo,mediorentale,asiatico……DA parte specialmente dei musulmani che il loro capo Maometto era un sanguinario e l’anticristo. Maometto il Maledetto fratello di Lucifero lo schifoso.

Rispondi

Marco Eddy Endolf il 8 Gennaio 2015 alle 8:28 pm.

l’islam ha copiato dalla bibbia aggiungendo dove faceva comodo da un certo Maometto,guerriero sanguinario,poi ricco con 50 donne intorno per spassasela,e abile comandante che con pochi uomini sbaraglio i rivali sempre musulmani o arabi e li uccise tutti,tipo come il conte dracula in Romania che i prigionieri li impalava. io sono 3 anni cheprovo con tanta pazienza e aiutando anche loro cioè musulmani,ho dato,ma al momento opportuno si avventano come animali feroci…..ciò significa che il cristiano per loro è un nemico.
POI IMPORTANTE: ho parlato con persone e tutti i sbarchi di negri o africani e arabi GUARDA caso NESSUNO è Cristiano….non vi sembra che è una strana coincidenza? loro scapano,ma al 60% almeno e sono buono fingono……MNTRE i cristiani negri o africani o arabi mediorentali Cristiani cheli sgozzzano e i governi maledetti europei,americani etc non fanno nulla….essi questo poveri Santi Cristiani non vengono qui con i barconi o altro…riflettete emminenza,rifletti sacerdote che leggi e cancelli quello che a te sembra non buono.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.