Papa Francesco telefona alla famiglia di James Foley

Papa Francesco telefona alla famiglia di James FoleyPapa Francesco telefona ai genitori di James Foley, il reporter americano divenuto noto alle cronache per essere stato ucciso in modo barbato dai militanti del Califfato IS: il conforto spirituale è uno dei principali compiti per un pastore, ed è in tale senso che va appunto interpretato l’intervento del Pontefice.

A riferire la notizia è stato un sacerdote gesuita americano, James Martin, il quale è in contatto con la famiglia Foley, di fede cattolica, e praticante. Il figlio, inoltre, James Foleym, era conosciuto ai padri gesuiti, anche in virtù del fatto che aveva studiato nello Stato americano del Wisconsin alla Marquette University dei Gesuiti.

Terminati gli studi, comunque il reporter non si era allontanato dagli ambienti ecclesiastici: aveva continuato a informare i padri gesuiti sui propri spostamenti in zone di guerra e sulla propria partecipazione a missioni umanitarie. Raccontano i sacerdoti, anzi, come il Rosario che James Foley portava con sé fosse stato una ancora di salvezza durante il proprio rapimento in Libia e in Siria, secondo quanto lo stesso reporter aveva comunicato in uno scritto.

La famiglia di Foley si è dichiarata orgogliosa del coraggio che il figlio stesso ha dimostrato, giungendo a sacrificare la propria vita per testimoniare al mondo la sofferenza di quelle popolazioni. La telefonata di Papa Francesco è stata accolta con commozione e gratitudine da parte dei genitori del giovane reporter americano, che vivono a Richmond nel New Hampshire.

Al confermare la notizia, Il direttore della Sala Stampa vaticana, il gesuita padre Lombardi, ha sottolineato come la telefonata del Santo Padre abbia un evidente significato di conforto spirituale che il Pontefice ha voluto portare personalmente alla famiglia.

Il prossimo 26 agosto 2014, nell’Università cattolica dei Gesuiti, dove ha studiato James Foley, è stata organizzata una cerimonia religiosa in commemorazione del giovane reporter e del suo sacrificio per mostrare la sofferenza di quei popoli.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

15 Commenti

Ramon Burniol tornaré il 26 Agosto 2014 alle 8:45 pm.

Amb la trucada demostra la seva gran humanitat.No h fa per notorietat i si de cor.Deu el beneeixi

Rispondi

Estela del Rosario Arévalo il 23 Agosto 2014 alle 5:34 pm.

BUENA ACCIÓN DE SU SANTIDAD. PERO HAY QUE TERMINAR CON EL ABSURDO DE LA DIFERENCIAS POR CUESTIONES DE CREDO . DIOS ES UNO SOLO Y EL SOL BRILLA PARA TODOS DE IGUAL MANERA .CUANDO LOGREMOS EVITAR QUE LAS IDEAS NOS SEPAREN HABREMOS ENTENDIDO EL MENSAJE DE JESUS Y YA NO SUFRIRÁ EN LA CRUZ .SI ESTO NO SUCEDE TODO SERÁ EN VANO .
GRACIAS

Rispondi

Alfio il 23 Agosto 2014 alle 4:44 pm.

Questo Papa mi trasmette un senso di gioia immensa,spero che Cristo c’è l’ho lasci il più possibile!!!

Rispondi

calin melita elena il 23 Agosto 2014 alle 7:15 am.

buon giorno ,saluto Papa francesco un Angelo ,perro sappiamo tutti che dietro un calcolatore un leptp un mobile che lasciamo i nostri comenti,dietro sta una persona….,e no papa francesco, naturalmenta che ha alte problemi piu importante ,ma mi piacerebe tanto …..tamtissimo che ogni tanto sarrebe posibile di trovarci personalmente papa francesco…ma e pazzesco vorra tutto il mondo….perro magari la persona che legge tutti i nostri comenti farra un gesto che prendesi in considerazione alcuni commenti alcune problemi seriii che quella persona ha proprio bisognio di papa francesco, farra il possibile a farr vedere i comenti o la problema che a scritto la persona, e cosi srremo anche noi piu tranquilii che qualquno ci sta ascoltando.perche io ho un problema …diceamo tra virgolette che riguarda i sacerdotii,ivescovii,i pretti da regione di lombardia, ..piacenza,fiorenzuola,cadeo….. capito e sonno certa e sigura che papa francesco non sa dei alcuni pretii e de loro comportamento..capittoooooooooooooooo.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.