Per pregare dobbiamo farci piccoli, perché lo Spirito Santo venga in noi e sia lui a guidarci nella preghiera

 

Nel corso dell’Udienza Generale di mercoledì 22 maggio 2019 il Santo Padre ha tenuto un discorso che si è ancora una volta soffermato sulla preghiera del Padre Nostro. Proprio durante la celebrazione, infatti, si è conclusa la lunga catechesi con un’importante riflessione riguardante il rapporto filiale esistente tra ogni uomo e Dio.

“La preghiera cristiana nasce dall’audacia di chiamare Dio con il nome di “Padre”, ha detto Papa Francesco, facendo passare a tutti i presenti il messaggio che per dire padre a Dio vi è bisogno di molto coraggio.“Per pregare dobbiamo farci piccoli, perché lo Spirito Santo venga in noi e sia lui a guidarci nella preghiera”, ha aggiunto ancora il papa, e in tal modo ha voluto far capire che “noi non potremmo mai pregare senza la forza dello Spirito Santo. É Lui che prega in noi e ci muove a pregare bene”. Lo Spirito Santo, infatti, è protagonista di ogni preghiera cristiana. Gesù, ha poi proseguito Papa Bergoglio, rivela a ciascuno il Padre e dona la familiarità con Lui.

Altro tema molto importante nel corso dell’udienza è stato quello del perdono. In alcune parti del Vangelo, ha detto Papa Francesco “Gesù insiste con i suoi discepoli, perché coltivino uno spirito di orazione”. La preghiera, che deve portare il ricordo dei fratelli, deve essere insistente soprattutto quando si hanno dei rapporti difficili con loro. “Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate, perché anche il Padre vostro che è nei cieli perdoni a voi le vostre colpe”.

 

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

2 Commenti

GABRIELE il 23 maggio 2019 alle 5:50 am.

L’uomo si dimentica di essere stato prima bambino.
Purtroppo quando il bambino diventa uomo è la fine del mondo.
Il mondo dovrebbe essere vissuto solo dai bambini.
La cattiveria, madre di ogni male, pullula nel bambino diventato adulto.
Stiamo distruggendo l’umanità.
Sicuramente ci aspetta una vita migliore dopo la morte.
Qui è invivibile, tutta colpa dell’uomo.
Viva la vita eterna.
Amen
Gabriele

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.