Vivere in modo evangelico per essere testimoni credibili di Gesù

vivere in modo evangelico per essere testimoni credibili di Gesù

La testimonianza cristiana è stata il fulcro della riflessione di Papa Francesco di oggi, domenica 19 aprile 2015, in Piazza San Pietro, prima della recita della preghiera mariana del Regina Coeli: il Santo Padre ha fatto notare come compito della Chiesa e di ogni cristiano sia quello di continuare a testimoniare la Resurrezione di Gesù.

Facendo riferimento alle Letture del Giorno (At 3,15 e Lc 24,48), Francesco ha evidenziato come “nelle Letture bibliche della liturgia di oggi risuona per due volte la parola «testimoni»“: “gli Apostoli, che videro con i propri occhi il Cristo risorto, – ha detto Bergoglio – non potevano tacere la loro straordinaria esperienza. Egli si era mostrato ad essi affinché la verità della sua risurrezione giungesse a tutti mediante la loro testimonianza“.

È questa ancora oggi la missione della Chiesa: dare testimonianza che Gesù ha vinto la morte, dare testimonianza della Resurrezione di Gesù: “il contenuto della testimonianza cristiana non è una teoria, non è un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti oppure un moralismo – ha spiegato il Vescovo di Roma – ma è un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti“.

Tuttavia, ha poi proseguito il Santo Padre, non è solo compito della Chiesa quello di testimoniare Gesù Risorto, ma è compito di ogni cristiano: “ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto – ha ribadito – che Gesù è vivo e presente in mezzo a noi. Tutti noi siamo chiamati a dare testimonianza che Gesù è vivo“.

Il fatto che Gesù è vivo ed è presente in mezzo a noi “può essere testimoniato da quanti hanno fatto esperienza personale di Lui, nella preghiera e nella Chiesa, attraverso un cammino che ha il suo fondamento nel Battesimo, il suo nutrimento nell’Eucaristia, il suo sigillo nella Confermazione, la sua continua conversione nella Penitenza – ha quindi concluso Papa Francesco – e la sua testimonianza è tanto più credibile quanto più traspare da un modo di vivere evangelico, gioioso, coraggioso, mite, pacifico, misericordioso. Se invece il cristiano si lascia prendere dalle comodità, dalla vanità, dall’egoismo, se diventa sordo e cieco alla domanda di “risurrezione” di tanti fratelli, come potrà comunicare Gesù vivo, come potrà comunicare la potenza liberatrice di Gesù vivo e la sua tenerezza infinita?

Share Button

18 Commenti

Luisa Bellani il 20 Aprile 2015 alle 9:31 pm.

La pace, la gioia, la serenità che sentiamo nel nostro cuore indica a noi e agli altri il nostro incontro con GESÙ, il nostro essere cristiani autentici!

Rispondi

SAR-SAI-ANDREA GUIDO FEDINANDO CASTELLANI-PALAMA' il 20 Aprile 2015 alle 3:26 pm.

COME MAI? IL PAPA S. SANTITA FRANCESCO E BENEDETTOXVIonon pensano ai vecchi cardinali e ai vecchi cristianie non pensano ad amministrargli i 7 ss sacramenti in chiesa?CARDINALE DEL S.S. UFFIZZIO-CEI-SS ROTA-S COLLEGIO ROMANO-S CULTO DIVINO-SEGRETARIO STATO VATICANO-ARCIVESCOVO DI UDINE E CIVIDALE DEL FRIULI S ANDREA CASTELLANI PALAMA!NATO A ROME-ITALY-EUROPE SS SEDE VILLA BIANCA 6\5\1957 ORE 05.00 DUI LAZZARO CASTELLANI E RITA CHIARA ASSUNTA SCOLASTICA PALAMA’ CASTELLANI! IN FEDE VERBA VOLANT SCRIPTA MANENT!

Rispondi

Lori il 21 Aprile 2015 alle 9:08 am.

Amico, hai ragione! “Verba volant, scripta manent!”
Ma nel tuo intervento, dimmi se sbaglio e se sì perdonami, mi pare di vedere soltanto povere parole che volano, non la Parola vera concreta, non l’Eterna Parola di Verità e di Amore che è Gesù di Nazareth il Risorto, Colui che non desidera altro da noi che la piena disponibilità ad accoglierLo nella nostra povera vita quotidiana famigliare e sociale per consentirGli di vivere in noi per assimilarci a Lui in modo che sia sempre Lui che parla attraverso noi diffondendo Luce e Calore intorno a noi.
Con affetto nello Stesso Gesù e nella Sua e nostra Madre. Lori

Rispondi

Maria il 20 Aprile 2015 alle 2:54 pm.

3314207231

Rispondi

Lori il 20 Aprile 2015 alle 12:19 pm.

Sì, possiamo dirci cristiani veri soltanto se siamo testimoni autentici con le parole e soprattutto con le opere di quello che Gesù ha detto e ha fatto per il nostro vero bene prima della Sua Morte e dopo la Sua Risurrezione e di quello che continua a dire e a fare attraverso la Chiesa e quindi, perché no, anche attraverso la nostra povera vita.

Rispondi

marco eddy il 20 Aprile 2015 alle 10:15 am.

vi sono organizzazioni sia qui in Italia e specialmente in Sicilia(anche aiutati dalla mafia) e poi in ogni città italiana,per fare venire immigrati,che pagano moltissimo per i loro tenori di vita. 1 immigrato ha detto che sono saliti molti cristiani africani e mediorientali ,ma siccome erano la minoranza,sono stati tutti affogati e si pensa oltre 300 in 2 anni(questo però la mafia non lo sa). l’interesse prima era di Al Qaida,ora dell’ISIS è di invadere l’Europa di musulmani. mentre lì in africa vi sono organizzazioni degli stessi africani e mediorentali criminali e cordinati dai terroristi che aiutano a imbarcare e trovare barconi.cristiani vengono tutti uccisi, richiedenti asilo veri pagano di più,mentre clandestini prostitute e l’intenzione di delinquere maschi e schiavi o co giuramento a terroristi,pagano di meno,circa la metà.

Rispondi

VERA GIOVANNA il 20 Aprile 2015 alle 8:52 am.

Caro Papa Francesco, da quando partecipo puntualmente alla S. Messa desidero ogni volta ricevere l’Eucarestia perché sento che mi fa molto bene….in ricordo di Gesù che disse proprio “Fate questo in ricordo di me”. Prima del riposo serale, ieri sera ho pensato alla Vergine Maria e le ho voluto dedicare poche parole, ma dette con il cuore: “Bella e Pura, come nessuna creatura, o Santa Vergine Maria…fammi sempre compagnia”
In questo modo non mi sento mai sola e mi sento anche più rassicurata, tant’è vero che ogni cosa che faccio…..miracolosamente mi riesce sempre bene! Viva Maria, conchiglia che racchiude la perla dell’Amore.

Rispondi

Ivana Barbonetti il 20 Aprile 2015 alle 7:41 am.

Grazie, Francesco Bergoglio, tu confermi che il mio atteggiamento a imitazione degli apostoli e’ giusto agli occhi di DIO. Ho incontrato tante,tante,tante grosse difficolta’,chi ero io per permettermI? da chi avevo avuto l’incarico? mi credevo uno sceriffo del west. Nel 2009 sentirmi dire; ma’ tu sei una donna!? Ho tanto sofferto,tante delusioni perche’ gli attacchi piu’ forti li ho avuti dentro la chiesa,gruppi che si definiscono di preghiera,non aspettandomelo, ero indifesa,mi hanno fatto piu’ male.Solo per l’amore forte che mi lega a Maria non mi sono arresa,ringrazio DIO per il dono di te,prego Maria ogni giorno che ti copra con il SUO MANTO,lode a DIO.Ivana Barbonetti

Rispondi

Marilena il 20 Aprile 2015 alle 6:49 am.

Grazie Signore Gesù per questo nuovo giorno, viviamolo secondo la tua volontà. Santo Padre grazie di portare Gesù nel mondo attraverso il suo cammino di fede e amore che Dio la benedica e La Nostra Madre Celeste la custodisca.

Rispondi

Marilena il 20 Aprile 2015 alle 6:45 am.

Gesù Cristo nostra Pasqua guidi i nostri passi e ci renda degni delle sue promesse, e portatori di speranza per il mondo. Egli e’ veramente il Risorto e portatore di luce per l’intera umanità. Siamo tutti inviati al mondo per portare pace e l’amore del Padre quale testimonianza di salvezza per tutti gli uomini di buona volontà che sono coraggiosi nella fede. La Santa Madre di Dio e madre nostra e della chiesa ci indichi la via dell’eterna redenzione e illumini i cuori e le coscienze, affinché la Pace di Gesù invada il mondo spazzando via la schiavitù del peccato e il dolore. Affidiamoci a Maria nostra avvocata e portatrice del Cristo per gli uomini e il mondo, amen. Buona giornata.

Rispondi

Graciela il 20 Aprile 2015 alle 12:49 am.

Cuanta razón,muchas veces nos cerramos por comodidad y nos vamos alejando de Cristo sin darnos cuenta.La consecuencia inmediata es la pérdida de alegría de vivir el Evangelio.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.