Riflessioni di Papa Francesco

Che le vostre omelie non siano noiose perché escono dal cuore

Che le vostre omelie non siano noiose perché escono dal cuore

Che le vostre omelie non siano noiose perché escono dal cuore

Nella “Domenica del Buon Pastore“, ovvero la Quarta Domenica di Pasqua, Papa Francesco durante la propria omelia nella Santa Messa di ordinazione di nuovi sacerdoti e diaconi della Diocesi di Roma, ha indicato alcune delle caratteristiche del “Buon Pastore” ed ha invitato i nuovi presbiteri “ad assumere non la mentalità del manager ma quella del servo, a imitazione di Gesù che, spogliando sé stesso, ci ha salvati con la sua misericordia“.

Che le vostre omelie non siano noiose“: possano queste risvegliare la coscienza dei fedeli e arrivare “proprio al cuore della gente perché escono dal vostro cuore“. La coerenza di vita cristiana porta il sacerdote ad essere lui stesso esempio per il popolo fedele e in questo modo diventare vero e proprio “nutrimento per il Popolo di Dio“.

Così si dà la Parola di Dio – ha quindi aggiunto il Santo Padre – il profumo della vostra vita sarà la testimonianza, perché l’esempio edifica, ma – ha ammonito allo stesso tempo – le parole senza esempio sono parole vuote, sono idee e non arrivano mai al cuore e addirittura fanno male“.

Proseguendo poi la propria riflessione, il Pontefice ha invitato i nuovi sacerdoti a vivere appieno il ministero sacerdotale, anche e soprattutto quando celebrano la Santa Messa: “quando voi celebrate la Messa, riconoscete dunque ciò che fate – ha detto – Non farlo di fretta! Imitate ciò che celebrate – non è un rito artificiale, un rituale artificiale – perché così, partecipando al mistero della morte e risurrezione del Signore, portiate la morte di Cristo nelle vostre membra e camminiate con Lui in novità di vita“.

Infine ha aggiunto il monito a non “rifiutare mai il Battesimo a chi lo chiede” e, soprattutto, a “non stancarvi mai di essere misericordiosi“: “nel confessionale voi starete per perdonare, non per condannare! – ha quindi concluso Papa Francesco – Imitate il Padre che mai si stanca di perdonare“.

Taggato , , ,

Informazioni su Redazione

13 pensieri su “Che le vostre omelie non siano noiose perché escono dal cuore

  1. Querido Papa Francisco: he leído atentamente su consejo y no me canso de repetir que todo lo que recomienda es así. Necesitamos buenos pastores. Y le cuento un secreto: lo está logrando, aquí en Mendoza, y en San Juan (provincias de su Argentina natal) por nombrarles algunos de los sacerdotes por ej. el Padre Marcelo De Benedectti, el Padre Bruno, Mza. En San Juan al Padre Daroni, Miguel Darío, son un ejemplo de lo que usted les dijo durante la ordenación a los nuevos sacerdotes. Reciba mi respeto y admiración, y sepa que rezo y rezamos por ud. UN SALUDO FRATERNO.

  2. Santo padre sai è vero da veri cristiani dobbiamo per la santità dei nostri pastori egli ci devono portare a Cristo il nostro parroco ha meravigliose omelie tanto che spesso prego lo spirito santo il quale gli dia tante parole cariche di amore prego anche tanto per te che guidi la santa chiesa spero un giorno di poterti baciare la tua mano che Dio ti doni tutto il suo spirito

  3. Santo Padre,premetto che sono un Cattoilico praticante TANTO praticante,e NON vorrei che queste mie considerazioni fosserò fraintese ma NON posso tacere nel NON denunciare questi Preti FARABUTTI>Santo Padre scusa lo sfogo ma io CREDO nella buona FEDE di TANTISSIMI,rappresentantii di DIO,sia lodato GESU’ Cristo,

  4. Perché il mio parroco quando mi da l’eucaristia la porge come se fosse una cosa senza importanza: Velocemente biascicando un ” corpo di Cristo” che nn si sente e nn da il tempo di rispondere”amen”???
    Glielo ho fatto presente e mi ha risposto che posso dire amen quando sono in fila prima di ricevere l’ostia???? Poi mai un sorriso un come sta (visto che sono anziana e malata?? Questi sacerdoti nn ascoltano la parola del Papa/ saluti cari Egle

  5. DIO TI BENEDICA,FRANCESCO BERGOGLIO,MARIA TI COPRA INTERAMENTE CON IL SUO MANTO,PERCHE’ NON TI ACCADA NULLA DI MALE DA CHI,FINO A OGGI, HA VISSUTO CONTRARIAMENTE AL VANGELO,ANCHE IN SENO ALLA CHIESA. E’ DI 2GIORNI FA’ L’ACCUSA DI UNA FRANCESCANA LAICA; SEI POLEMICA,MEGLIO EVITARTI, LEI E ALTRI,IN QUESTA CHIESA IN PARTICOLARE,VIVONO IL CRISTIANESIMO FAI DA TE,CONTRARIO AL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA,(COMPENDIO)SERVIZIO LITURGIA “PERSONALIZZATO”.HO RICHIAMATO LA LORO ATTENZIONE A LEGGERLO,A SEGIURE LE TUE OMELIE/LEZIO DIVINE,PER SBAGLIARE IL MENO POSSIBILE,NON LO HANNO CONSIDERATO,CONTINUANO ALLA LORO MANIERA.I SACERDOTI “PIGRI” A SPIEGARE IL VANGELO,NON SONO SULL’ALTARE ASPETTANDO ORA PER “TIMBRARE IL CARTELLINO”.IO CHE NON SONO NESSUNO,PER IL MONDO,MI SONO FATTA TANTI NEMICI,DIO NON MI HA ABBANDONATA,A 67 ANNI,1 ANNO FA’,MI HA MESSA IN CONDIZIONE DI IMPARARE L’USO DAL COMPUTER,OGGI POSSO SEGUIRE TE,PIU’ SICURA A CAMMINARE IN AVANTI. INVITO TUTTI I FRATELLI E SORELLE A PREGARE CON TANTA FORZA PER TE,TU,PER “GLI ALTRI”SEI UN NEMICO. DIO NON TOLGA MAI LA SUA MANO SU DI TE. GRAZIE DEL TUO — SI ——Ivana Barbonetti

  6. caro Papa Francesco, Lei non parla ai cuori…ma, ogni volta, li accarezza dolcemente…mettendo, ad ogni parola, quale compagno, un pezzettino del Suo cuore…è così che Lei riesce a nutrire le nostre povere anime e a farci mettere in contatto con la fiamma inesauribile dell’amore divino. Non finirei mai di ringraziarLa…oggi mi permetto di chiederLe un dono, visto che è il mio compleanno: mi può mandare spiritualmente una Sua benedizione, perchè riesca sempre più a fare la volontà di Dio? grazie e…mi perdoni…

  7. Con il Mistero dell’Incarnazione, “IO SONO”, Dio-Amore Trinitario, per la potenza del Suo Santo Spirito, realizza, per l’uomo, con l’uomo e nell’uomo (Maria Santissima), quello che Egli è in Sé, unendo nel vincolo di perfezione d’Amore l’umanità creata con la divinità increata nell’unità e nella santità di Gesù Cristo, nostro Signore, e rivelando così il Suo Mistero d’Amore Trinitario. Con il Sacramento del Sacerdozio, il Sacerdote diventa con Dio un cuor solo e un’anima sola nell’unità e nella santità di vita. A Dio la gloria nei secoli.

  8. BUENAS TARDES, MI MUY AMADO PAPA, ES UN PLACER VERLO Y ESCUCHARLOS DESDE GUADALAJARA, JALISCO. MÉXICO, ME EMOCIONA SABER DE UD. Y VEO SUS COMENTARIOS Y TODO LO QUE PREDICA, SOLO QUIERO ENVIARLE UN GRAN ABRAZO FRATERNAL, PORQUE ES REPRESENTANTE DE XTO AQUI EN LA TIERRA MI MAS ADMIRACIÓN Y MI CARIÑO, DIOS LO BENDIGA SIEMPRE Y NTRA. MADRE LO ABRACE CON ESE AMOR TAN GRANDE Y LLENO DE ALEGRIA.
    UNA PEQUEÑA CATEQUISTA DE LAPARROQUIA DE SAN CRISTÓBAL MÁRTIR, UNA COLONIA DE GDL., ANDREA LÓPEZ

  9. E’ vero, alle volte sono stata tentata di non andare più a confessarmi avendo incontrato sacerdoti che nella confessione erano in “cattedra” e davano lezioni di comportamento invece di calarsi nel problema e chiarire in che modo potevo affrontare e superare l’ostacolo. Fortunatamente ho anche conosciuto dei carismatici sacerdoti che hanno saputo invece presentarmi l’altro lato della medaglia e darmi così la spiegazione e la forza di vivere il momento difficile che stavo affrontando.La cosa più importante è proprio stata quella del Perdonare incominciando a perdonare me stessa.

  10. Come si fa a perdonare se non si è liberi nel proprio cuore? Se non si è capaci di pascere le pecorelle deboli e rendere loro forza e giustizia? (Ez37). GV <..mi ami tu? Pasci….custodisci….cura…fascia….guida….sorreggi….porta sulle tue spalle non coloro che ti fanno sorridere e rendono lieto il tuo cuore ma i >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.