Invidie, gelosie, antipatie, chiacchiere non sono cristiane

invidie, gelosie, antipatie, chiacchiere non sono cristianePapa Francesco nell‘Udienza Generale di oggi, mercoledì 27 agosto 2014, ha ripreso la propria catechesi sulla Chiesa, spiegando cosa sia la santità della Chiesa e come le divisioni, che intaccano l’unità dei cristiani, nascano non tanto dai grandi scismi quanto nelle parrocchie laddove invidie, gelosie, antipatie, chiacchiere separano al posto di unire.

Quando recitiamo il “Credo”, diciamo che la Chiesa è “una” e “santa”, anche se sappiamo per esperienza che è fatta di peccatori e non mancano le divisioni.

Gesù prima della sua passione, ha pregato per l’unità dei suoi discepoli: “che tutti siano uno”. Ci confida così il suo desiderio che la unità sia uno dei tratti caratteristici delle nostre comunità.

I peccati contro l’unità non sono solo scismi, ma le erbacce più comuni nelle nostre comunità: invidie, gelosie, antipatie, chiacchiere … Questo è umano, ma non è cristiano.

In una comunità cristiana, la divisione è uno dei peccati più gravi, perché non permette a Dio di agire. E il diavolo che separa, distrugge le relazioni, semina pregiudizio. Ciò che Dio vuole è che siamo accoglienti, che perdoniamo, che ci adoperiamo per assomigliare sempre più a Lui. che è comunione e amore. In questo consiste la santità della Chiesa: nel riprodurre l’immagine di Dio, ricco di misericordia e di grazia.

Queridos hermanos y hermanas:

Cuando recitamos el “Credo”, decimos que la Iglesia es “una” y “santa”, aunque sabemos por experiencia que está compuesta de pecadores y que no faltan divisiones.

Jesús, antes de su Pasión, pidió por la unidad de sus discípulos: “que todos sean uno”. Nos confía así su deseo de que la unidad sea una de las notas características de nuestra comunidad.

Los pecados contra la unidad no son sólo los cismas, sino también las cizañas más comunes de nuestras comunidades: envidias, celos, antipatías, sacarle el cuero a los demas… Esto es humano, pero no es cristiano.

En una comunidad cristiana, la división es uno de los pecados más graves, porque no permite que Dios actúe. Es el diablo el que separa, destruye las relaciones, siembra prejuicios. Lo que Dios quiere es que seamos acogedores, que nos perdonemos y nos amemos para parecernos cada vez más a Él, que es comunión y amor. En esto consiste la santidad de la Iglesia: en reproducir la imagen de Dios, rico en misericordia y gracia.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

20 Commenti

Patrizia il 31 Agosto 2014 alle 12:12 pm.

Condivido pienamente le parole del Santo Padre: invidie, gelosie, antipatie, chiacchiere sono le erbacce più comuni delle comunità. Aggiungo: sono i mali peggiori della società, perché distruggono le relazioni e le persone, seminando pregiudizi e falsità. Sono valori umani, ma non cristiani. Grazie a Sua Santità per gli insegnamenti che trasmette a tutto il mondo tramite la rete.

Rispondi

daniela il 30 Agosto 2014 alle 1:20 pm.

La pace e` il respiro dei sassi, il sorriso dei passi, delle stelle, dei cuori e degli uomini saggi….. Grazie Papa Francesco per essere come sei, un esempio di umanita,` bonta`e insegnamento per tutti noi. Un grande abbraccio con il cuore

Rispondi

Giacommo il 28 Agosto 2014 alle 10:34 pm.

Deveniţi conştienţi de ceea ce sînteţi! Treziţi Omul din voi şi însănătoşiţi-vă sufletele! În ceruri îngerii plîng. În locul cîntecelor minunate ale corurilor celeste se aude doar plînset. Fie-vă milă de sufletele voastre! Aveţi grijă de voi înşivă! Supuneţi animalul din voi pentru că altfel vom ajunge să trăim la Grădina Zoologică. Deja Noua Ordine Mondială ne construieşte cuştile. Şi pe bună dreptate ne vom merita soarta şi vom trăi în „cuşti” sau legaţi cu tot felul de „lanţuri” dacă vom rămîne doar nişte animale vorbitoare bune de corvoadă.

Nu renunţaţi atît de uşor la ceea ce oricum nu poate fi distrus, la comoara cea mai de preţ, la sufletul cu care sînteţi înzestraţi. Soluţia trezirii şi mîntuirii noastre se află în Iubire pentru că Iubirea uneşte ceea ce este dezbinat. Dumnezeu nu aşteapta să cunoaştem cu mintea noastră toate misterele lumii, adică toate ştiinţele ştiute şi chiar infinit mai mult de atît. Ştie că e prea greu şi e prea scurtă viaţa unui om pentru aşa ceva. Dar numai un dram de iubire poate să înfăptuiască miracolul desăvîrşirii.

Pare greu de conceput astăzi, dar cu toate acestea, cîndva a există o unitate deplină între oameni. Provenim cu toţii din aceeaşi familie. Toate religiile lumii care s-au dezvoltat, ca să spunem aşa regional, păstrează memoria unităţii şi a rădăcinilor comune. Este clar că toate popoarele care sînt astăzi pe pămînt au aceleaşi rădăcini. Sîntem împreună, dar nu putem trăi împreună decît iubindu-ne unii pe alţii.

Din punctul meu de vedere este foarte important să conştientizăm că toţi oamenii care există pe pămînt provin dintr-o aceeaşi „familie” care, dezvoltîndu-se în mod continuu a condus la separarea geografică a unora de alţii. Treptat, obiceiurile grupurilor s-au dezvoltat în mod autonom în funcţie de factorii de mediu şi, mai ales, de factorii economici. Un popor s-a diferenţiat din ce în ce mai mult de un altul pînă cînd am ajuns să ne considerăm a fi cu totul străini unii de alţii. Omenirea a supravieţuit astfel mii de ani, pentru că fiecare avea propriul său mediu de dezvoltare, iar relaţiile dintre popoare erau insignifiante. Imaginaţi-vă o populaţie planetară de numai cîteva milioane de oameni răspîndiţi în grupuri mai mari sau mai mici pe toate continentele locuibile! Astăzi, se dezvoltă vertiginos o conştiinţă planetară. Dezvoltarea tehnologică, creşterea numărului de oameni, rezolvarea problemelor stringente legate de hrană şi spaţiu ne-au adus din nou împreună, dar iată că nu ne putem înţelege datorită diferenţelor de mentalităţi, obiceiuri şi mai ales interese. Nu mai sîntem în perioada imperiilor bazate pe cucerirea de teritorii. Astăzi trebuie să trăim împreună, însă ceea ce ne-a adus aici este din păcate legat de supravieţuirea noastră ca trupuri materiale şi nu căutarea comună a desăvîrşirii spirituale.

Toate religiile lumii vorbesc despre existenţa unicului Dumnezeu. Cu toate acestea, creştinii îi consideră păgîni pe toţi cei care nu sînt creştini, musulmanii îi consideră păgîni pe toţi cei care nu sînt musulmani, hinduşii îi consideră păgîni pe toţi cei care nu sînt hinduşi ş.a.m.d. Ori în spatele acestei acoperiri religioase nu se ascund decît dorinţele şi fricile noastre materiale. Fiecare vrea un loc mai bun şi mai sigur pe pămînt şi în loc să ne concentrăm atenţia pe ceea ce ne uneşte ne legăm de tot ceea ce ne face să fim diferiţi şi ne oprimăm unii pe alţii. Şi aceasta numai pentru că dacă eu ma simt neputincios şi murdar trebuie să-i prezint pe ceilalţi ca fiind mai neputincioşi şi mai murdari decît mine. Vă spun însă că omenirea va ajunge din nou la o stare de unitate, chiar dacă asta presupune ca la un moment dat să nu mai rămînă decît o mînă de oameni pe planetă, după cum precizează mai multe profeţii sau apocalipse. Depinde de noi dacă ne vom da seama la timp de necesitatea de a convieţui împreună şi de a ne ajuta reciproc, din toate punctele de vedere, dar mai ales din punct de vedere spiritual.

Debarasîndu-ne de tot balastul unei religii sau alteia vom constata că se ajunge la aceleaşi adevăruri. De altfel, nici n-ar avea cum să fie altfel pentru că Dumnezeu este Unul şi chiar şi întreaga omenire a fost cîndva unită şi animată de aceeaşi cunoaştere şi simţire a Realităţii.

Rispondi

Giacommo il 28 Agosto 2014 alle 10:03 pm.

Santo Papa este minunat să iubeşti dar cu adevărat înălţător este să iubeşti pe Dumnezeu!!!!!!!!!!!
Cînd Îl iubeşti pe Dumnezeu iubeşti tot ceea ce există în Univers, începînd cu propria ta fiinţă.Oriunde ai privi Îl vezi doar pe El. Devii una cu El, iar inima ta devine un izvor nesecat de iubire. Atunci devii copilul lui Dumnezeu iar El este Tatăl tău iubit.
Iubirea faţă de o fiinţă poate fi înrobitoare dar iubirea faţă de Dumnezeu te face liber.

Dumnezeu este iubire. El cuprinde toate formele de iubire cunoscute de noi iar această formă a iubirii superioare este Beatitudinea. Atunci cînd ajungi în inima lui Dumnezeu trăieşti această stare de iubire sublimă.
Fiinţa umilă ştie că este un copil al lui Dumnezeu, de aceea primeşte cu încredere tot ceea ce Tatăl îi trimite, conştient fiind că, indiferent de încercările prin care îl trece, Acesta nu poate să îi dorească decît binele…,chiar daca e PREOT …..si in curand ma va da afara din GARSONIERA cu o camera care stau cu copilasul meu de 2 anisori ,ca suntem in urma cu CHIRIA!!!
Si v-am scris un emaill sa ma AJUTATI Sfantul Papa ,macar sa vorbiti cu el la tel sa aibe RABDARE si MILA ……nu de mine ,eu am 34 ani, si daca voi dormi de maine pe STRAZI sau GARI, ma voi duce………, sunt crescut la CASA de COPII, la 18ani cand am iesit de acolo 7-8 ani pe strazi am DORMIT si prin parcuri si prin scari de BLOC!!!dar ma doare inima sufar pentru baiatul meu, care i-am mai pus si numele d,voastra!!!
Va Multumesc din suflet din tot CUGETUL INIMII mele chiar daca nu a-ti putut sa ma AJUTATI…sa dati un simplu tel la acel PREOT!!!!!!
Va inteleg sunteti PREOT!!!

Sfantul Papa a-ti spus ca sunteti UMIL cum era Domnul meu Isus Cristos Fiul Preaiubit a lui Dumnezeu , Umilinţa mai înseamnă si renunţare.
Ea presupune să renunţi la ideea de “eu” şi “al meu”, de posesivitate asupra unui rol, a unei activităţi, a unui obiect, a unei persoane, a propriului corp fizic, căi chiar şi acesta şi toate bunurile pe care le deţinem nu ne aparţin în realitate. Toate acestea ne-au fost lăsate în “custodie”, cu scopul precis de a ne împlini menirea pentru care am venit aici în această existenţă.

Umilinţa este o calitate rar întîlnită, deoarece a o avea înseamnă să nu-ţi mai doreşti nimic pentru tine. În schimb, daca o ai, atunci obţii totul. Ma bucur ca aveti unde dormi maine poimaine…….si mereu, si ca aveti de mancat si de toate , meritati Sfantul Papa!!!
Sfantul Papa Umilinţa înseamnă Iubire.

La fel ca şi iubirea, umilinţa “îndelung rabdă, este binevoitoare, nu pizmuieşte, nu se laudă, nu se trufeşte, nu se poartă cu necuviinţă, nu caută ale sale, nu se aprinde de mînie, nu gîndeşte răul, nu se bucură de nedreptate, toate le suferă, toate le crede, toate le nădăjduieşte, toate le rabdă” (1 Corinteni 13)

Umilinţa este cea mai plăcută ofrandă adusa divinului.

Inima plină de umilinţă este cel mai pur vas, apt să primească în el graţia Cerului.

“CÃCI DE AI FI VOIT JERTFÃ, ŢI-AŞ FI DAT. ARDERILE DE TOT NU LE VEI BINEVOI. JERTFA LUI DUMNEZEU: DUHUL UMILIT. INIMA ÎNFRÂNTÃ ŞI SMERITÃ, DUMNEZEU NU O VA URGISI.” (PSALMUL 50)

Rispondi

Estela del Rosario Arévalo il 28 Agosto 2014 alle 3:39 pm.

SU SANTIDAD , MIENTRAS DIOS RESIDA EN LUJOSOS LUGARES , Y ESTE AUSENTE DEL CORAZÓN DEL HOMBRE NO SE PRODUCIRÁN GRANDES CAMBIOS .DIOS ES EL DIOS DE TODOS .JESUS ES SU HIJO AMADO , VINO AL MUNDO COMO HOMBRE , Y UNA DE LAS RAZONES ES DEMOSTRAR QUE EL HOMBRE ES ENEMIGO DEL OTRO HOMBRE QUE SOLO LE ENSEÑÓ A AMAR.EL HOMBRE ES LA IGLESIA Y NO EL LADRILLO NI LA PINTURA QUE LA CUBRE.
GRACIAS AL QUE LEE Y A SU SANTIDAD ORO POR ÉL .Y LE PIDO QUE ORE POR MI .ESTELA
ESTELA

Rispondi

sara il 28 Agosto 2014 alle 12:08 pm.

Mi soffermo sulla frase che papa Francesco ha usato” è umano e non cristiano”, mi fa pensare anche a un altra frase” sbagliare è umano, perseverare è diabolico.”
Cosa vorrei fare notare con questo? Che è ovvio umano vuol dire pieno di difetti e come difetto va approfondito e coretto e correggere significa avere la conoscenza.
Se uno si esamina , ci si accorge che l’invidia, gelosia, antipatie e chiacchiere è più un disagio personale che il più il fare del male ad altri.
esempio:
– invidia = è un qualcosa che gli manca che un altro c’è l’ha, invece di rodersi , non fa altro che informarsi cosa deve fare ottenere la stessa cosa.
– gelosia = è mancanza di fiducia e centro di attenzione, perchè si è perso la personalità e non trova la propria sicurezza. E la sicurezza si trova nel amore di se stessi, per cui vuol dire incontrare DIO. E quando si incontra DIO , non si desidera altro che il tuo vicino conosca questa gioia. E non c’è spazio per la gelosia…
-antipatia= è qualcosa di noi che non ci piace che disturba e non sappiamo come liberarcene. E si pensa di eliminare l’altro, ma ci si accorge il difetto permane , se non sarà uno sarà l’altro, fino a quando non capiremo che siamo noi che dobbiamo cambiare, per cui significa stare bene e in pace con se stessi.
-chiacchiere= pregiudizio, invece di chiarire si preferisce chiudersi nel buco con tutte sbarre facendosi aiutare da altri, perchè chiarire il pregiudizio comporta libertà. E chissà perchè la libertà ci spaventa così tanto? quando c’è rischio di perdere occasione di potere costruire le basi solide che non lo si può trovare in nessun uomo, se non in DIO stesso che è dentro di noi. Lo dice il vangelo:- il regno di DIO è dentro e fuori di noi.
Ecco dove sta il peccato è una mancanza con noi stessi. E fino a quando non lo capiamo ci faremo del male prima a noi e poi ad altri.
Basta con questi concetti che si dica :- ho fatto del male e adesso le devo le scuse…- le scuse prima si deve fare con se stessi cambiando atteggiamento chiedendo al Signore che ci faccia luce, poi verrà normale chiedere scusa a l’altro.
Vi assicuro che ogni cosa sbagliata che facciamo è una mancanza di conoscenza.
Visto che è il papa stesso che ci invita di chiedere la Grazia al Signore, che dove non arriva l’ intelligenza dell’ uomo , può arrivare la Grazia di DIO.
è Gesù stesso che ci invita di non prendere le cose del vangelo come tante regole imposte, ma la via per trovare il vero amore che supera la intelligenza umana. buona giornata. Sara

Rispondi

Giuseppe Alari il 28 Agosto 2014 alle 2:05 pm.

Cara Sara con le tue due risposte, che ho letto attentamente, hai centrato quello che io pensavo, ma per riservatezza non l’ho scritto. Tu non sei tanto lontana dal Paradiso in terra. Si per il semplice motivo che noi siamo in questa terra già nell’Eden e nessuno – compreso io – non ce ne accorgiamo, e ci lasciamo distrarre dalle cose futili. Mentre dobbiamo cercare di fare la volontà di DIO Gesù Cristo, Re del Cielo e della terra. Detto questo non per fare sermoni che io non ne sono capace, non essendo un Sacerdote. Ma cerco di fare capire ai miei fratelli, che basta guardare la natura per innamorarsi di chi l’ha creata. Poveri coloro i quali dubitano, e non hanno tanta fede da spostare le montagne – come me -. Io non riesco a muovere foglia che DIO non voglia, e tu cara Sara? Per essere preciso, e per fare capire quello che io voglio dire, ti faccio un esempio della mia vita. Io a 3 anni sono rimasto senza il Padre, e a 17 anni senza la Madre, poi volevo fare il meccanico di auto che avevo le capacità intellettive, ma mi sono ritrovato a fare il meccanico di macchine utensili. Mi sono diplomato e per 20 anni ho fatto il responsabile di reparto in una ditta molto importante nel settore aereo. Poi ora sono in pensione, e ripensando alla mia vita dico a te Sara, tu cosa desideravi fare? Hai realizzato i tuoi sogni? Io no, ma eppure se tornassi in dietro, farei lo stesso percorso, che ha fatto, per il semplice motivo che non l’ho scelto io, ma Gesù me lo ha dato, ed ho avuto più soddisfazione nelle scelte imposte da chi mi segue fin dal grembo materno, che in quelle da me desiderate, e tu cara Sara cosa ne pensi? Mi fermo per non stancarti nella lettura. Ciao a presto

Rispondi

sara il 29 Agosto 2014 alle 11:22 am.

Grazie Giuseppe per avermi risposto, penso che uno non ci arriva a sentire se non viene illuminato dallo Spirito Santo. è da un anno a questa parte che mi è capitato una grande Grazia, che non c’è un immagine che si possa dare o che si possa immaginare, ci si trova dentro e basta, per cui posso dire proprio adesso sto vivendo un sogno, per cui non solo io , ma sopratutto il Signore Gesù Cristo avrebbe piacere che altri e tutto creato vivesse nella sua Grazia.
Penso anche se ho avuto incontro con Gesù a 50 anni ,non vuol dire che prima Gesù non ci fosse, anzi penso che LUI ne era ancor più presente, diciamo che LUI adesso mi ha messo sulla strada e sta a me a percorrerla. Ecco perchè richiamo spesso e per prima me la dico a me stessa, di avere quella prontezza di continuare senza stancare a chiedere, perchè è Gesù che lo vuole, se non chiediamo LUI non può intervenire perchè violerebbe la nostra libertà ed è un altro motivo che Gesù ci invita di non guardare il vangelo come una regola. Ma che sia un suggerimento , un riscoprire nella coscienza di come possiamo amare.
Poi amare non vuol dire bendare i occhi, nel AMORE esige il rispetto, per cui quando è si è si e quando è no è no. Il vangelo è chiaro a riguardo che è pieno di parabole, non di certo per raccontarci una storiella che poi si riporta come la storia di cappuccetto rosso, battuta a parte, è per richiamare la coscienza.
Ti faccio un esempio capitato di recente, non è detto che se uno ti pesta di devi fare pestare e nemmeno che io mi metto pestare l’altro, visto che ti parlo di Grazia. Purtroppo è inevitabile in una persona possa suscitare l’invidia e non ti dico fa di tutto trovare il momento giusto per sfogare la sua rabbia e magari cercando dei proseliti che le desse ragione , che poi questa cosa non fa bene ne a lei e ne sia giusto che mi rovini il mio immagine, dopo aver scaricato la sua rabbia e io stavo zitta e la guardavo, c’è chi mi diceva che avevo un sorriso, a un certo punto, mi sono girata e le ho detto ” che ti sei fatto un film sarebbe meglio che ti guardi una telenovella che forse ti passa” e là non ha che dovuto alzare i tacchi e andarsene. Non l’ho più incontrata sarà ancora lì che riflette.
Visto che c’è un articolo che parla del perdono, continuo nel dire per perdonare si deve essere in 2, il perdono non va solo dato va anche chiesto.
Papa Francesco per questo insiste di chiedere la Grazia del perdono, non solo perchè DIO ci perdona ma che lo dobbiamo chiedere se no LUI non può intervenire.
è la stessa cosa umanamente, quante volte è successo quando uno si rende conto di aver sbagliato e chiede scusa e il perdono scatta in un amen. Se è così è per noi e tanto più così è per DIO.
Come è anche vero che c’è chi il perdono non lo vuole peggio per lui, importante che chi ha ricevuto il torto non porti rancore verso quella persona se ha voglia di salutarti ti saluta se no ognuno alla sua strada.
è per questo che dico tolleranti si ,subire no, perchè se subiamo disturbiamo i punti debole dell’anima e non siamo più lucidi per prendere in mano le redini. è ovvio da soli non possiamo fare,per andare bene è volgere lo sguardo verso lo Spirito Santo che evita che il male ti attacchi.
Concludo dicendo S.Pietro rappresenta la fede giusto e ha una chiave in mano! Cosa voglio dire con questo, se l’uomo capisce che il peccato non gli appartiene, che il peccato è ignoranza che bastasse che si informasse, informare vuol dire chiedere. Ecco cosa significa la fede e trovare la chiave. è prendere coscienza della propria esistenza, senza escludere tutte le funzioni che la chiesa pone, prediche,riti , litanie e cose varie. Quando si capisce certe cose si può capire anche il senso di tutto ciò, se ne viene fuori dall’immagine del burattino ,cioè ripetere ciò che altri dicono, ma ci si accorge che queste cose servono per purificare dai pensieri negativi e per entrare in comunione con DIO.
Ti abbraccio in Cristo e Pace e Bene a te e alla famiglia! Spero di essere chiara ciò che ho scritto! Sara

Rispondi

Giuseppe Alari il 28 Agosto 2014 alle 11:50 am.

Cari fratelli in Gesù, vorrei scrivere innumerevoli osservazioni, al proposito dei pettegolezzi nelle parrocchie. Invece mi limito ad aderire a quello che Francesco ha detto in TV e scritto nel computer. Egli è saggio e Maestro Apostolico, e nulla io ho da aggiungere, a questo riguardo. Solo mi permetto di sottolineare che Francesco è guidato dallo Spirito Santo, che ognuno di noi battezzato ha nel suo cuore, ma le distrazione del mondo sono innumerevoli; e non lo ascoltiamo volentieri, io per primo. Ecco il segreto della vera saggezza è: “ASCOLTARE” poi “GRIDARE al MONDO INTERO”, ciò che Lui suggerisce nel proprio cuore, è quello che sta facendo Francesco, e senza indugiare ne riflettere, per il motivo che il Vescovo di Roma, è Lui che parla al nostro posto, ma il suggeritore è lo Spirito Santo. Quello che sta facendo Francesco, proviamo noi ad imitarlo? Allora si, che ci sarà comunione tra la nostra anima, e quella di Gesù. Non voglio stancarvi con i miei scritti, che nessuno legge. Ma quando mi metto alla tastiera, essa scrive da sola. Non ci credete? Io dico poche bugie, ma di sicuro quello che scrivo mi è dettato dal cuore credetemi! Francesco è il Pontefice giusto al momento giusto. Egli è stato prescelto da Gesù, fin dalla creazione della Chiesa. Ora dobbiamo solo applicare quello che lui ci trasmette cosi saremo una cosa sola in Gesù Cristo Misericordioso. Ciao a presto

Rispondi

sara il 28 Agosto 2014 alle 12:39 pm.

Concordo con Giuseppe, non usiamo dei pregiudizio, per non cambiare vita è il nemico che c’è lo suggerisce.
Il pregiudizio rende l’uomo cieco, non fa vedere le opportunità che le passa davanti, in questo caso il messaggio che S.Padre ci sta dando.
è inutile andare cercare i errori della chiesa di quello che c’è stato prima o di quello che ci sta intorno al papa Francesco, lui sta facendo del suo meglio questo non le si può negare, Anzi ci chiede di sostenerlo con la preghiera di stare con lui con quello che ci crede. Che poi ci sta aiutando di tirarci fuori dalle briglie del male di come venirne fuori. cordiali saluti. Sara

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.