Papa Francesco: i cristiani rispondano al male con il bene

papa francesco 4Oggi Papa Francesco nell’omelia domenicale a Piazza San Pietro, ha ricordato i martiri di Otranto, consacrati beati, che furono uccisi, nel 1480 per mano degli Ottomani, dopo essersi rifiutati di rinnegare la loro fede e per questo furono decapitati. Ma dove trovarono questo coraggio, si chiede il Pontefice? “Proprio nella fede, che fa vedere oltre i limiti del nostro sguardo umano, oltre il confine della vita terrena, fa contemplare “i cieli aperti”, come dice santo Stefano, e il Cristo vivo alla destra del Padre. Cari amici, conserviamo la fede che abbiamo ricevuto e che è il nostro vero tesoro, rinnoviamo la nostra fedeltà al Signore, anche in mezzo agli ostacoli e alle incomprensioni; Dio non ci farà mai mancare forza e serenità. Mentre veneriamo i Martiri di Otranto, chiediamo a Dio di sostenere tanti cristiani che, proprio in questi tempi e in tante parti del mondo, adesso, ancora soffrono violenze, e dia loro il coraggio della fedeltà e di rispondere al male col bene”. Papa Francesco ha chiesto così ai fedeli di rinnovare la propria fede quotidianamente, di domandarsi ogni giorno: “Io sono fedele a Gesù?”. Domandarsi se si è attenti agli altri, ai più bisognosi o si sta dando adito all’individualismo. Porsi queste domande è fondamentale per rinnovare il proprio spirito momento dopo momento. Poi Papa Francesco ha parlato delle religiose, Laura Montoya e María Guadalupe García Zavala, divenute Sante, e ha ricordato il loro impegno spirituale nei loro luoghi di attività. La prima nata nella meravigliosa terra della Colombia. Papa Francesco a proposito di Laura Montoya, ha parlato dell’importanza di non isolarsi ma vivere la fede comunicando la gioa del Vangelo a tutti, attraverso la parola ma sopratutto attraverso la testimonianza in qualsiasi ambiente ci si trovi a vivere, come ha fatto questa straordinaria donna. Bisogna assolutamente “  vincere indifferenza e individualismo, che corrode le comunità cristiane e corrode il nostro cuore” e imparare ad “accogliere tutti senza pregiudizi, senza discriminazioni, senza reticenza, con autentico amore, donando loro il meglio di noi stessi e soprattutto condividendo con loro ciò che abbiamo di più prezioso, che non sono le nostre opere o le nostre organizzazioni, no, ciò che di più prezioso abbiamo è Cristo e il suo Vangelo”. Papa Francesco ha, inoltre, parlato dell’ importanza della carità e dell’esempio datoci da María Guadalupe García Zavala, nata in Messico, che ha rinunciato a una vita agiata per seguire la sua missione. Come ha dichiarato Papa Francesco l’imborghesimento del cuore paralizza l’essere umano. Il cuore di Madre Lupita, invece, era pieno d’amore e seguì con dedizione la chiamata di Gesù dedicandosi a servire gli ammalati e gli emarginati. ” Questa nuova Santa messicana”, ha concluso, “ci invita ad amare come Gesù ci ha amato, e questo comporta non chiudersi in se stessi, nei propri problemi, nelle proprie idee, nei propri interessi, in questo piccolo mondo che ci fa così tanto male, ma uscire e andare incontro a chi ha bisogno di attenzione, di comprensione, di aiuto, per portagli la calorosa vicinanza dell’amore di Dio, attraverso gesti di delicatezza e di affetto sincero e di amore”. Infine, ha salutato coloro i quali hanno partecipato alla “Marcia per la vita” organizzata stamattina a Roma e ha invitato tutti a mantenere viva l’attenzione sul tema del rispetto per la vita e la dignità umana sin dal momento del concepimento e ha concluso, infatti, : “A questo proposito, mi piace ricordare anche la raccolta di firme che oggi si tiene in molte parrocchie italiane, al fine di sostenere l’iniziativa europea ‘Uno di noi’, per garantire protezione giuridica all’embrione, tutelando ogni essere umano sin dal primo istante della sua esistenza. Un momento particolare per coloro che hanno a cuore la difesa della sacralità della vita umana sarà la ‘Giornata dell’Evangelium Vitae’, che avrà luogo qui in Vaticano, nel contesto dell’Anno della fede, il 15 e 16 giugno prossimo“. Papa Francesco ha poi dedicato circa quarantacinque minuti ai suoi fedeli, scendendo tra la folla, con la “papamobile”, a baciare bambini e disabili, arrivando sino a Via della Conciliazione. In 70mila ad attenderlo, una folla di fedeli pronta a salutare il loro amato Papa, fonte di grande incoraggiamento e speranza.

 

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

2 Commenti

papa francesco il 29 Maggio 2013 alle 2:07 pm.

Congratulazioni Papa Francesco per essere stato eletto Papa. Che Dio ti benedica.

Rispondi

padre mariano distefano, passionista il 13 Maggio 2013 alle 10:18 pm.

grazie, santità, per tutto quello che dici e fai… maria di fatima e san mattia ti sostengano, insieme con san pietro, in questo gravoso compito che il signore ti ha affidato. la mia preghiera personale oltre quella eucaristica ti sosterranno sempre, e la mia obbedienza a te e ai superiori è innegabile. chiedo la tua benedizione. padre mariano, passionista (alessandria della rocca – ag – sicilia).

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.