Papa Francesco: “un coraggioso cambiamento dei dirigenti politici”

papa francesco 6“Un coraggioso cambiamento dei dirigenti politici”, è il monito di Papa Francesco nel discorso tenuto oggi agli ambasciatori non residenti presso la Santa Sede, di Kyrgyzstan, Antigua e Barbuda, il Gran Ducato di Lussemburgo e il Botswana. Un richiamo a considerare il denaro e il consumismo un mezzo e non il fine, devono servire ma non governare. Papa Francesco ha così denunciato la mancanza di solidarietà e di un reale progetto di bene comune: “Dietro questo atteggiamento si nasconde il rifiuto dell’etica, il rifiuto di Dio. Proprio come la solidarietà, l’etica dà fastidio! È considerata controproducente; come troppo umana, perché relativizza il denaro e il potere; come una minaccia, perché rifiuta la manipolazione e la sottomissione della persona“. Papa Francesco ha parlato di crisi antropologica alla base della crisi, di solidarietà e etica ormai dimenticate e ha disegnato un quadro della società odierna: deformità dell’economia e della finanza”, “corruzione tentacolare”, ” volontà di potenza e di possesso diventata senza limiti”. Una società dove i poveri diventano più poveri e ricchi più ricchi. Ma, sottolinea il Pontefice: “Il Papa ama tutti, ricchi e poveri; ma il Papa ha il dovere, in nome di Cristo, di ricordare al ricco che deve aiutare il povero, rispettarlo, promuoverlo”. E conclude: “L’etica, un’etica non ideologica naturalmente, permette, a mio parere, di creare un equilibrio e un ordine sociale più umani. In questo senso, incoraggio gli esperti di finanza e i governanti dei vostri Paesi a considerare le parole di San Giovanni Crisostomo: Non condividere con i poveri i propri beni è derubarli e togliere loro la vita. Non sono i nostri beni che noi possediamo, ma i loro”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

2 Commenti

mariovittorio iorno il 31 Maggio 2013 alle 7:23 pm.

Non so come rivolgermi a Lei,Sua Santità,ma posso dirLe che da anni non frequento la Chiesa nel suo senso più lato,forse a causa di immagini errate. Le Sue parole e soprattutto la Sua vita ,che “apprendiamo” giorno dopo giorno,mi stanno portando a ripensamenti,anche se,davanti a me e intorno,vedo ancora alcuni comportamenti,di esponenti del Clero(un Parroco non dovrebbe farsi intestare beni immobili da parte di anziane/i della propria Parrocchia-v. SS:ANGELI CUSTODI di Montesacro – tutto il Quartiere ormai ne parla,e spero sempre che ciò non sia vero,ma dovrebbe piuttosto far devolvere ai Poveri o agli emarginati),o di Ancelle del Signore,non consoni a quanto Lei sta cercando di farci introitare,con le Parole e con gli esempi di vita. Spero che il tempo mi dia la facoltà di “ritornare” sulla strada che Lei ci sta mostrando,e che la Chiesa sia la prima a dare esempi di carità vera,spirituale e materiale.

Rispondi

ida rotunno il 31 Maggio 2013 alle 4:27 pm.

caro papa Francesco lo so che non si può fare tutto in una volta però la gente muore di fame è sono certa che le ricchezze che à il vaticano almeno una piccola parte potrebbero sfamare migliaia è migliaia di persone lei lo sa meglio di mè che è vissuto a contatto con i poveri è gli emarginati io credo che pregare con la pancia piena sia meglio è non come i politici che pensano solo alla poltrona dove sono seduti grazie è che DIO ti benedica

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.