Cercare Dio per saziare la nostra fame di giustizia

Il Papa ai carcerati: la speranza supera tutti i problemi

Anche l’Udienza Generale odierna si è tenuta nella Biblioteca del Palazzo Apostolico ed è stata trasmessa in streaming, per via della situazione di emergenza causata dal Coronavirus ancora in atto.

Continue reading “Cercare Dio per saziare la nostra fame di giustizia”
Share Button

Il dono dello Spirito ci ha resi testimoni

È un po’ strana questa preghiera dell’Angelus di oggi, con il Papa “ingabbiato” nella biblioteca, ma io vi vedo, vi sono vicino” inizia così il suo discorso Papa Francesco , che non si è visto alla solita finestra per l’Angelus, al fine di rispettare le disposizioni imposte a contrastare l’epidemia del virus dilagante in questi giorni.

Continue reading “Il dono dello Spirito ci ha resi testimoni”
Share Button

Il Padre ci parla nel silenzio

Siamo tutti peccatori bisognosi della misericordia di Dio

L’Udienza di oggi, dopo la fase invernale in aula Paolo VI , si è svolta in Piazza San Pietro, in occasione del mercoledì delle Ceneri che segna ufficialmente l’inizio della Quaresima che precede la Santa Pasqua “cuore dell’anno liturgico e della fede”.

Continue reading “Il Padre ci parla nel silenzio”
Share Button

La mitezza raduna, l’ira separa

Oggi all’Udienza in aula Paolo VI si è affrontata la terza delle beatitudini lasciate da Gesù nel discorso della montagna, dal Vangelo di Matteo (5,5 ): “Beati i miti perché avranno in eredità la terra”.

Continue reading “La mitezza raduna, l’ira separa”
Share Button

Chi cede alle passioni non è padrone della propria vita

Il tema trattato all’Angelus in Piazza San Pietro di oggi è tratto dal Vangelo di Matteo (5,17-37) e riprende ancora gli insegnamenti di Gesù alle folle durante il discorso della montagna.

Continue reading “Chi cede alle passioni non è padrone della propria vita”
Share Button

Cerchiamo Gesù tra le mangiatoie di dignità

Cerchiamo Gesù tra le mangiatoie di dignità

Papa Francesco, nell’omelia della Santa Messa della Notte di Natale ha invitato i fedeli presenti “a partire dai nostri limiti“, da quello in cui ci sentiamo emarginati, per andare da Gesù, così come fecero i pastori, che “erano tra gli emarginati di allora“. Continue reading “Cerchiamo Gesù tra le mangiatoie di dignità”

Share Button

Quando un cristiano non ha difficoltà nella vita qualcosa non va!

papa-francesco

Quando un cristiano non ha difficoltà nella vita – tutto va bene, tutto è bello – qualcosa non va”. Sono parole scioccanti quelle che Papa Francesco ha pronunciato durante l’omelia di martedì 28 maggio. L’ideale di vita che ci creiamo e che ci viene proposto solitamente é quello di una vita perfetta, una casa ordinata, una famiglia felice, un lavoro redditizio. Invece il Papa ci ricorda che “Non si può togliere la Croce dalla strada di Gesù: sempre c’è. Ed essere cristiani significa seguire la strada di Gesù.

Purtroppo le nostre ricchezze, quelle ricchezze non solo economiche ma anche culturali, di cui ha parlato Papa Francesco nell’omelia del lunedì 27 maggio ci anestetizzano e ci rendono sordi alle parole di Cristo. E’ la cultura del benessere che ci allontana dalla strada di Gesù, dall’essere capaci di seguire il suo esempio fino in fondo. E’ il fascino che il provvisorio esercita su di noi che rende difficile accettare le scelte definitive che la vita del cristiano impone. “Quante coppie, quante coppie si sposano, senza dirlo, ma nel cuore: ‘fin che dura l’amore e poi vediamo…’” riflette Papa Francesco. Seguire Gesù é lasciare “la propria casa per fare un matrimonio per tutta la vita”, scegliere il definitivo é lasciare “la propria terra per andare come missionari per tutta la vita”.

E nell’omelia del 28 maggio il Papa, terminando il discorso iniziato il giorno prima, ci ammonisce dicendo che “Se si segue Gesù come una proposta culturale, si usa questa strada per andare più in alto, per avere più potere.” Ma questo non é il cammino del cristiano, questo é il cammino della tentazione. “L’annunzio di Gesù non è una patina: l’annunzio di Gesù va alle ossa, al cuore, va dentro e ci cambia. E questo non lo tollera lo spirito del mondo, non lo tollera e per questo vengono le persecuzioni. Chi lascia la propria casa, la propria famiglia per seguire Gesù,” ha detto ancora Papa Francesco, “riceve cento volte tanto “già ora in questo tempo”. Cento volte insieme alle persecuzioni. E questo non va dimenticato”. La sequela di Gesù è proprio questo: per amore andare con Lui, dietro di Lui: lo stesso cammino, la stessa strada. E lo spirito del mondo sarà quello che non tollererà e ci farà soffrire, ma una sofferenza come l’ha fatta Gesù. Chiediamo questa grazia: seguire Gesù nella strada che Lui ci ha fatto vedere e che Lui ci ha insegnato. Questo è bello, perché mai ci lascia soli. Mai! Sempre è con noi.”
Written by Luca Roncolato

Share Button